europa

Il 2018 sarà l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale

2 Dicembre 2017

L’Unione Europea ha dichiarato il 2018 Anno Europeo del Patrimonio Culturale (European Year of Cultural Heritage), per favorire l’affermazione ufficiale delle politiche europee sul patrimonio culturale e il rafforzamento identitario dell’Europa basato sul ruolo del patrimonio culturale nei diversi settori della società.

Gli anni europei offrono all’UE l’opportunità di mostrare le principali politiche attuate in un determinato ambito, di incentivare programmazione e progetti e di indirizzare i fondi in una determinata direzione. L’EYCH 2018 identifica, con la Decisione UE 2017/864), l’ambito prioritario per l’Unione Europea per il prossimo anno e contribuirà ad affermare una visione ampia e integrata del patrimonio, che includa il paesaggio, l’immateriale, il digitale e sia chiaramente in dialogo con la produzione creativa contemporanea.

In concreto per l’anno europeo 2018 l’Unione Europea ha previsto uno stanziamento di 8 milioni di euro che saranno finanziati anche attraverso il programma Creative Europe e di cui 1 milione di euro (stanziato sul bilancio UE 2017) destinato alla preparazione dell’anno e la sua comunicazione, 7 milioni di euro (stanziati sul bilancio UE 2018). E se a livello europeo diverse commissioni (13) lavorano per l’organizzazione degli eventi, a livello nazionale ogni paese europeo ha una sede di riferimento che di volta in volta potrebbe lanciare bandi e call per il finanziamento di attività locali: in Italia è il MiBACT.

L’Anno Europeo del Patrimonio Culturale – che avrà come hashtag ufficiali #EYCH2017 e #EuropeforCulture – sarà inaugurato il 7 e l’8 dicembre 2017 a Milano presso il Forum Europeo delle Culture.

Clicca qui per ulteriori informazioni.