Bomarzo, in un documentario i misteri del bosco di Cagnemora

16 Ottobre 2017

I misteri di Bomarzo è un documentario di Mega Production realizzato in una sola giornata, domenica 8 ottobre 2017, e dedicato principalmente ad alcuni aspetti poco conosciuti riguardanti il territorio in cui sorge il paese.

Famosa per il Sacro Bosco, meglio conosciuto come Parco dei Mostri, creazione dell’eclettico conte Vicino Orsini, Bomarzo e il suo territorio nascondono molti altri segreti, come i reperti del bosco di Cagnemora. Qui, infatti, sono stati ritrovati resti di antiche civiltà scolpite nella roccia e nelle vicinanze una sorta di grande pietra dalla forma che ricorda quella di una piramide e che è stata popolarmente chiamata “Piramide etrusca”.

Regia, riprese e montaggio sono di Vincenzo Nervo, mentre Valentina Becattini ha curato testi e presentazione. Musiche di Daniele Garuglieri. I fautori del video ringraziano tutti i proprietari terrieri di Cagnemora che hanno concesso in locazione praticamente gratuita i loro terreni alla Cooperativa L’Onnoro, l’associazione Amici del Palazzo Orsini, Moreno Rosati, Giovanni Lamoratta e l’associazione Circomare Teatro e Letizia Arancio (funzionario MIBACT), Francesca Rizzo (ispettore onorario MIBACT per il territorio di Bomarzo). Ringraziano inoltre il Comune di Bomarzo per aver inserito Cagnemora nel programma delle Giornate Europee del Patrimonio 2017.

Il documentario

I misteri di Bomarzo vuole mostrare alcuni dei reperti archeologici risalenti al periodo etrusco rinvenuti nel 2015 nel bosco di Cagnemora, ai piedi del paese di Bomarzo, e il reperto conosciuto come “Piramide etrusca”, in località Rocchette, contigua a Cagnemora. Le informazioni fornite nel video sono frutto di supposizioni; infatti i reperti non sono ancora stati studiati in modo approfondito dagli archeologi. L’intento è far conoscere i tesori nascosti nei boschi di questo territorio per infondere la curiosità e il rispetto per tali testimonianze storiche.

Ci piacerebbe inoltre sensibilizzare – spiegano i responsabili – con questo video gli enti e le amministrazioni locali affinché provvedano al più presto a finanziare campagne di scavo nella zona e ad avviare un programma di valorizzazione territoriale per agevolare la fruizione pubblica dei reperti.