A Narni, è arrivato il tempo de “La Rivincita”


data: Dal 16 al 23 giugno

luogo: Narni TR

orario: Orari vari

Dopo l’appuntamento di maggio, Narni torna a rivivere il medioevo con la seconda edizione de La Rivincita dal 16 al 23 giugno.

Nata come sorella minore della più longeva e conosciuta Corsa all’Anello, la manifestazione in programma sul finire della primavera sta trovando una sua propria dimensione, attraverso alcuni eventi di carattere storico o rievocativo e altri più squisitamente intrattenitivi.

Una settimana di appuntamenti serali che terminerà con la spettacolare giostra equestre in notturna presso lo Stadio San Girolamo, il cosiddetto Campo de li Giochi, in cui i tre terzieri torneranno a sfidarsi per conquistare l’ambito anello d’argento. Ad accompagnare la suggestiva gara di sabato 23, l’imponente Corteo storico che dal centro cittadino arriverà fino al Campo, l’esibizioni del gruppo narnese Milites Gattamelata e lo spettacolo equestre con acrobazie a cavallo del Gruppo Aragonas.

La serata d’apertura della manifestazione, invece, sarà affidata alla Compagnia del Piccolo Nuovo Teatro con lo spettacolo “Zoè, lo stretto rapporto tra l’uomo e la natura, raccontato attraverso i miti greci e la tradizione rinascimentale” che fu annullato per maltempo durante la scorsa edizione della Corsa all’Anello.

I più attenti avranno notato l’assenza, a maggio, di un noto personaggio televisivo che negli ultimi anni ha dedicato alla città la propria arte: Giorgio “Giorgione” Barchiesi non si lascerà attendere ancora e sarà a Narni domenica 17 per “La notte delle tabernae“, una sorta di banchetto itinerante guidato proprio dallo chef. Fra piatti ideati da Giorgione in occasione della serata e spettacoli dal vivo, il pubblico sarà guidato nella degustazione di alcune ricette particolari presso le taverne dei tre Terzieri.

L’intera settimana sarà divisa fra spettacoli in piazza e celebrazioni storico-religiose, passando dal balletto medievale del gruppo teatro danza “Il Corteggio” (martedì 18) allo spettacolo di musica, combattimenti e danze medievali dal titolo “Chanson de Auberon, re degli Elfi e delle Fate” (martedì 19), fino ad arrivare alle tre serate delle investiture dei cavalieri (dal 20 al 22).

 



tel: 3401580325

e-mail:

web: www.corsallanello.it










Strutture Vicine

la-raffineria Image

[11 km] La Raffineria

Nato dalla tradizione gastronomica della Famiglia Alpini, questo nuovo locale è un compromesso fra modernità e tradizione, uno spazio polivalente difficile da collocare sotto una specifica categoria

yokel Image

[12 km] Yokel

Yokel è una hamburgeria nel cuore della città di Terni ma ha un sapore internazionale per quel che riguarda il modo di concepire il cibo!

pub-al-55 Image

[19 km] Pub al 55

Nel caratteristico borgo di Acquasparta, proprio al numero 55 di via Colonna, c’è un locale accogliente, familiare e con ottima birra!



Da vedere

orte-sotterranea Image

[12 km] Orte Sotterranea

Orte Sotterranea è un percorso nei secoli dall’epoca etrusca ai giorni nostri, tra cunicoli di acquedotto, cisterne, colombaie, cantine e pozzi di neve. La gestione di apertura e visite è a cura dell’associazione Veramente Orte.

museo-archeologico-dell-agro-falisco-civita-castellana Image

[27 km] Museo Archeologico dell'Agro Falisco

Il Museo Archeologico dell’Agro Falisco ha sede nello splendido Forte Sangallo di Civita Castellana, costruito alla fine del XV secolo da Antonio da Sangallo il Vecchio, sullo sperone occidentale del pianoro civitonico, per volontà di papa Alessandro VI Borgia. A pianta pentagonale, con cinque bastioni, di cui tre muniti di cannoniere, è circondato da un fossato artificiale, tranne che sul lato nord.

muvis-museo-del-vino-delle-scienze-agroalimentari Image

[29 km] MUVIS - Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari

Il MUVIS – Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari è inserito all’interno del vasto ed articolato complesso produttivo dei Conti Vaselli, situato nel cuore del borgo di Castiglione in Teverina, ovvero nella grande cantina distribuita su 6 piani (1° piano, piano terra e 4 piani sotterranei), non più in uso, che ha richiesto un esteso intervento di recupero edilizio.