Beethoven Festival Sutri, il programma della diciottesima edizione


data: dal 15 giugno al 28 luglio 2019

luogo: Chiesa di San Francesco (Piazza San Francesco), Sutri Vt

orario:

Dal 15 giugno al 28 luglio 2019 la diciottesima edizione del Beethoven Festival Sutri, evento musicale lanciato nel 2002 dall’associazione Amici della Musica di Sutri che ha realizzato fino a oggi circa 170 concerti.

Gli appuntamenti vedranno la partecipazione di artisti di caratura internazionale nonché giovani talenti emergenti, rinnovando ancora una volta il suggestivo connubio tra l’arte musicale e la chiesa romanica di San Francesco nell’incantevole località della Tuscia, sede di quasi tutti gli appuntamenti. La manifestazione, organizzata in collaborazione con il Comune di Sutri e la Fondazione Carivit, si inaugurerà sabato 15 giugno alle ore 18.30 (Chiesa di San Francesco) con uno speciale evento che vedrà in primo piano la formazione cameristica del Quartetto archi e pianoforte, riunendo sul palco quattro musicisti di eccellenza: il violinista Alessandro Cervo, il violoncellista Gianluca Giganti, il violista Gianluca Saggini e la pianista Anna Lisa Bellini. Il concerto, dal titolo La grande musica da camera da Beethoven a Mahler sarà incentrato su tre capisaldi del repertorio per quartetto archi e pianoforte: il Quartetto WoO36 n.3 in do maggiore di Ludwig van Beethoven, il Quartettsatz in la minore di Gustav Mahler ed il celeberrimo Quartetto in sol minore op.25 di Johannes Brahms.

Il secondo appuntamento, a vent’anni dalla sua scomparsa, renderà omaggio alla grande pianista e didatta Giuliana Brengola Bordoni che, allieva di Alfredo Casella, ha dedicato la sua vita al pianoforte collaborando con i più grandi musicisti dello scorso secolo quali Riccardo Brengola, Franco Gulli, Severino Gazzelloni e Bronislaw Gimpel. Il concerto si terrà sabato 22 giugno alle ore 18.30 (Chiesa di San Francesco, ingresso libero) e sarà affidato a giovani e talentuosi pianisti allievi del Liceo Musicale S. Rosa da Viterbo e partecipanti alle passate edizioni delle Master Class internazionali, che eseguiranno capisaldi del repertorio pianistico di Beethoven Chopin, Schumann, Brahms e Debussy.

Beethoven, Brahms e Schumann sono i tre grandi compositori che verranno portati in scena per il terzo appuntamento nella Chiesa di San Francesco (domenica 30 giugno alle ore 18.30), in un excursus storico di grande fascino attraverso i secoli d’oro per le sonate del duo violino e pianoforte. L’emozionante appuntamento vedrà ospiti il grande violinista Carlo Maria Parazzoli e la coinvolgente pianista Anna Lisa Bellini. I due artisti, che vantano una lunga collaborazione, eseguiranno nella prima parte del concerto la Sonata in sol maggiore op.30 n.3 del grande titano a cui è intitolato il Festival e lo Scherzo scritto da Brahms per la Sonata F.A.E. La seconda parte del programma sarà interamente dedicata alla Sonata n.3 in la minore di Schumann.

Il quarto appuntamento, venerdì 5 luglio ore 21 (Chiesa di San Francesco) sarà un recital pianistico dal titolo Dal Vecchio al Nuovo Mondo, affidato alle mani del pianista virtuoso Alberto Lodoletti. Il programma inizierà con una serie di brani che, per autori o per ”colori”, saranno dedicati alla Spagna. Lodoletti eseguirà Granada, Cadiz e Asturias di Isaac Albéniz, la Danza rituale del fuoco di Manuel De Falla, Alborada del gracioso di Maurice Ravel e Malageña, La comparsa, Andalucía di Ernesto Leucona. Il concerto si concluderà con la Rapsodia in blu di George Gershwin, il capolavoro del Novecento qui nella versione originale dell’autore per pianoforte solo.

Recital viola e pianoforte è il titolo del quinto appuntamento, domenica 7 luglio alle ore 18.30 (Chiesa di San Francesco), affidato al prestigioso duo formato da Matteo Rocchi, violista del quartetto Guadagnini, e Daniele Ruffino, pianista e direttore d’orchestra. Il programma metterà a confronto due capisaldi del repertorio violistico: il Notturno in re maggiore op.42 di Beethoven, mirabile esempio del Beethoven «settecentesco», insieme alla Sonata op.120 n.2 di Brahms, uno degli ultimi lavori e sorta di testamento spirituale dell’arte e dell’ inconfondibile stile brahmsiano.

Il Duo Gardel, formato dalla combinazione eccezionale quanto ricercata di Gianluca Campi alla fisarmonica e Claudio Cozzani al pianoforte, sarà il protagonista indiscusso del sesto appuntamento dal titolo Danzango (venerdì 12 luglio ore 21, Chiesa di San Francesco). Il Duo prende il nome dal celebre compositore di tango argentino Carlos Gardel ed è un organico cameristico molto originale dall’efficace e avvincente impatto timbrico; il tipo di repertorio proposto è principalmente basato su composizioni scritte originalmente per altri organici, arrangiate ed elaborate dallo stesso duo che a Sutri proporrà musiche di Piazzolla, Galliano, Khachaturian, De Falla, Bizet, Rameau.

Il secondo recital pianistico, domenica 14 luglio ore 18.30 (Chiesa di San Francesco), vedrà sul palco il talentuoso pianista Matteo Biscetti con un programma dal titolo Il pianoforte, tra l’appassionato e il descrittivo. Concertista acclamato, Biscetti eseguirà per il pubblico del Beethoven Festival Sutri la Sonata n. 23 in Fa minore op. 57 di Ludwig van Beethoven, comunemente chiamata Appassionata, e Quadri di un’esposizione, la più rilevante delle composizioni per pianoforte di Musorgskij nonchè uno dei più originali capolavori della letteratura musicale del secolo scorso.

L’appuntamento di venerdì 19 luglio alle ore 21 (Chiesa di San Francesco) sarà affidato al travolgente Duo Maclè formato dalle pianiste Sabrina Dente e Annamaria Garibaldi: quattro mani che accarezzano, spremono, esaltano i tasti del pianoforte. Il concerto si aprirà con una selezione delle celeberrimeudi Johannes Brahms per proseguire con i Sei pezzi op.11 di Rachmaninoff. La seconda parte sarà interamente dedicata alla rivoluzionaria Sagra della Primavera di Stravinskij che nel 1913 stravolse i canoni estetici, ritmici e timbrici della musica colta occidentale, dando spunto a tutto quello che sarebbe poi successo nel seguito del secolo.

Per il penultimo appuntamento è in programma un duo dall’inedito impasto timbrico, formato dal violoncellista Luigi Puxeddu e dal contrabbassista Alberto Bocini: due grandi solisti per un concerto molto ricco e allettante dal titolo Dal Barocco al Tango. È questa una tipologia di Duo che rispecchia le glorie strumentali dell’Italia ottocentesca che con Bottesini poneva il contrabbasso ai massimi vertici del virtuosismo strumentale europeo. I due artisti, in un viaggio che percorrerà tre secoli, eseguiranno capolavori di J. S. Bach, Haydn, Mozart, Cirri, Boccherini, Rossini, Offenbach, Goltemann e Piazzolla. Il concerto, organizzato nell’ambito di ArtCity 2019, si terrà venerdì 26 luglio alle ore 21 presso il Palazzo Giustiniani Odescalchi di Bassano Romano (ingresso libero).

Il festival si concluderà a Sutri nella Chiesa di San Francesco, domenica 28 luglio alle ore 18.30, con il concerto Sinfonico di chiusura. Ospiti d’eccezione saranno il direttore d’orchestra Gian Luigi Zampieri e l’Orchestra Antonio Salieri insieme alla “tromba del cinema italiano” Nello Salza ed alla pianista Anna Lisa Bellini, anima del Beethoven Festival Sutri. Insieme daranno vita ad un
evento straordinario con la Sinfonia III per archi di Mendelssohn, la Sonata K102 di Scarlatti (orch. di Maresca), il Concerto per tromba e archi di Vincenzo Bellini, la Humoresque op.101 n°7 di
Dvorak, le Danze popolari rumene di Bartók ed il Concerto op.35 per pianoforte, tromba e archi composto da Sostakovic con il preciso intento di ampliare il repertorio strumentale sovietico «per colmare un vuoto a causa della mancanza di grandi lavori da concerto».

C’è un’importante novità da segnalare per il pubblico: per questa edizione è in atto una promozione speciale con il Museo di Palazzo Doebbing di Sutri che consente ad ogni spettatore del Beethoven Festival Sutri 2019 di avere diritto ad una riduzione sul biglietto d’ingresso al Museo di Palazzo Doebbing così come consente ad ogni visitatore del Palazzo Doebbing di avere diritto ad una riduzione sul biglietto di ingresso ad un concerto del Beethoven Festival Sutri 2019.

I biglietti si possono acquistare all’ingresso a partire da un’ora prima dell’inizio dei concerti.
Concerti 15/06, 30/06, 05/07, 07/07, 12/07, 14/07, 19/07: 12 € intero. 9 Euro ridotto (under 18 e over 65). Per i possessori di un biglietto di ingresso al Musei di Palazzo Doebbing: 10 € intero. 7 € ridotto (under 18 e over 65). Concerto 28/07: 12 € biglietto unico. Per i possessori di un biglietto di ingresso al Museo di Palazzo Doebbing: 10 € biglietto unico. Concerti 22/06 e 26/07: Ingresso libero



tel: 0761600760

e-mail: info@beethovenfestivalsutri.com

web: www.beethovenfestivalsutri.com










Strutture Vicine

ristorante-il-molino Image

[22 km] Ristorante Il Molino

Nel centro storico di Viterbo, ai piedi del Palazzo Papale e a pochi passi dal celebre quartiere medioevale, Il Molino ti offre una vasta gamma di antipasti di terra della cucina tradizionale: bruschette, mix di affettati e formaggi, fritti misti e un’ottima mozzarella di bufala.

blitz-caffe Image

[22 km] Blitz Caffè

Blitz Caffè è una nuova idea di bar: birreria, tavola calda e fredda, cocktail bar e wine bar; il tutto racchiuso in unico contenitore in grado di soddisfare i gusti della propria clientela, dalla colazione mattutina fino a notte inoltrata.

totos-pub Image

[22 km] Toto's Pub

Il Toto’s Pub nasce nel 1989 con l’obiettivo di soddisfare le esigenze di tutti coloro che, dopo una giornata di lavoro, desiderano uscire per trovarsi in un ambiente accogliente e familiarizzante, bere e mangiare bene, incontrare volti nuovi.



Da vedere

museo-di-palazzo-doebbing-sutri Image

[0 km] Museo di Palazzo Doebbing

Il Vescovado di Sutri attesta le antiche radici cristiane della città sin dai primi secoli del Medioevo. Il palazzo vescovile risulta così essere il fulcro non soltanto religioso ma anche culturale ed artistico dell’intera città.

palazzo-giustiniani-bassano-romano Image

[4 km] Palazzo Giustiniani

Il Palazzo Giustiniani (o Villa Giustiniani Odescalchi), si trova a Bassano Romano, in provincia di Viterbo. Acquistato nel 2003 dallo Stato Italiano e proprietà del MIBACT, dal dicembre 2014 è gestito dal Polo museale del Lazio.

museo-archeologico-dell-agro-falisco-civita-castellana Image

[16 km] Museo Archeologico dell'Agro Falisco

Il Museo Archeologico dell’Agro Falisco ha sede nello splendido Forte Sangallo di Civita Castellana, costruito alla fine del XV secolo da Antonio da Sangallo il Vecchio, sullo sperone occidentale del pianoro civitonico, per volontà di papa Alessandro VI Borgia. A pianta pentagonale, con cinque bastioni, di cui tre muniti di cannoniere, è circondato da un fossato artificiale, tranne che sul lato nord.