beethoven festival sutri san francesco

Beethoven Festival Sutri, il programma dell’edizione 2020


data: dal 5 settembre al 24 ottobre 2020

luogo: Chiesa di San Francesco (Piazza San Francesco), Sutri Vt

orario: 18.00

Rinnovando ancora una volta il connubio tra l’arte musicale e il gioiello romanico che è la Chiesa di San Francesco, la musica riparte a Sutri (VT) con la 19^ edizione del Beethoven Festival Sutri, manifestazione che ha animato uno dei borghi più antichi del Lazio con la
realizzazione di circa 180 concerti dal 2002 ad oggi.

La situazione coronavirus ha determinato un cambio di periodo del festival che, rispetto alla consuetudine, è stato posticipato e si realizzerà dal 5 settembre al 24 ottobre 2020, ogni sabato alle ore 18.00 presso la Chiesa di San Francesco nel centro storico di Sutri. L’Associazione Amici della Musica di Sutri propone un ricco cartellone, realizzato con il contributo del Comune di Sutri, della Fondazione Carivit e della Banca Lazio Nord.

A inaugurare la stagione, sabato 5 settembre, sarà il duo formato dal violinista Carlo Maria Parazzoli e dalla pianista Anna Lisa Bellini che sarà protagonista di Beethoven, 250 anni di genio: un intenso e profondo viaggio tra le pagine delle sonate per violino e pianoforte n.5 La primavera e n.7 in do minore di Beethoven, in simbolico omaggio al compositore di Bonn nel 250° anniversario dalla nascita.

Sabato 12 settembre prenderà vita un appuntamento affidato al duo Ilaria Iaquinta soprano e Giacomo Serra pianoforte dal titolo La voce romantica da Beethoven a Tosti: una serie di capolavori tratti dal genere compositivo di Beethoven, Schubert, Rossini, Offenbach e Satie, fino ad arrivare alla canzone napoletana d’autore di Costa e Tosti.

Il terzo appuntamento in cartellone sabato 19 settembre, dal titolo L’opera in salotto, sarà con la flautista Giovanna Savino e la pianista Cinzia Bartoli che eseguiranno un programma ricco di pathos e di percorsi culturali legati ai grandi titoli del melodramma ed ai grandi compositori d’opera italiani come Donizetti, Rossini e Bellini nonché a Chopin e Debussy.

Ti presento Felix è l’ultimo concerto del mese di settembre, sabato 26. L’Aura Trio, formato da Simona Foglietta violino, Maria Antonietta Gramegna violoncello e Anna Rosaria Valanzuolo pianoforte, eseguirà gli splendidi trii per pianoforte e archi, in re minore op.49 e in do minore op. 66, di Felix Mendelssohn Bartholdy, figura cardine del primo romanticismo tedesco.

Sabato 3 ottobre saliranno sul palco il flautista Matteo Bonaccorso, il violoncellista Gianluca Giganti  e la pianista Anna Lisa Bellini con Acquarelli francesi, un programma seducente e incantevole in un’alternanza di formazioni che vedrà l’esecuzione di Prélude a l’après-midi d’un faune, la Sonata in re minore e il Trio del genio rivoluzionario di Debussy. Aprirà il concerto Par un clair matin di Gaubert.

Da Beethoven ai contemporanei è il titolo del programma dall’atmosfera magica proposto dall’oboista Fabio Severini e dalla pianista Elisabetta Scappucci, sabato 10 ottobre, in un percorso policromo che partirà dalle Variazioni su Lá ci darem la mano di Beethoven per arrivare fino ai giorni nostri con la prima esecuzione assoluta di Arietta VIII di Mario Guido Scappucci. Non mancherà un sentito omaggio a Ennio Morricone.

Sabato 17 ottobre l’orchestra vivrà nel pianoforte a quattro mani delle pianiste Francesca a Amato e Sandra Landini, accompagnando il pubblico in uno stupefacente viaggio con Puccini, Ciajkovskij e la musica sinfonica dell’800, attraverso rielaborazioni dell’opera Tosca di Puccini, dei balletti La Bella Addormentata ed il Lago dei Cigni di Ciaikovski, de La Gazza ladra di Rossini nonché del poema sinfonico Les
Preludes di Liszt.

Il concerto conclusivo, sabato 24 ottobre (ingresso libero), renderà omaggio alla grande pianista e didatta Giuliana Brengola Bordoni a cento anni dalla nascita e sarà affidato a giovani e talentuosi pianisti allievi del Liceo Musicale S. Rosa da Viterbo che eseguiranno capisaldi del repertorio pianistico di Beethoven, Liszt, Brahms, Debussy e Scrjabin.

Questa edizione del Beethoven Festival Sutri, a livello organizzativo, sarà caratterizzata dalle norme per la sicurezza sanitaria ancora in vigore. È dunque è vivamente consigliata la prenotazione tramite WhatsApp (o SMS) al numero telefonico oppure all’indirizzo email sotto indicati entro le ore 12.00 del giorno del concerto. I biglietti (ingresso 10 euro) si potranno acquistare all’ingresso a partire da un’ora prima dell’inizio dei concerti ed i posti saranno abbinati alle prenotazioni.



tel: 3533756855

e-mail: info@beethovenfestivalsutri.com

web: www.beethovenfestivalsutri.com










Strutture Vicine

totos-pub Image

[22 km] Toto's Pub

Il Toto’s Pub nasce nel 1989 con l’obiettivo di soddisfare le esigenze di tutti coloro che, dopo una giornata di lavoro, desiderano uscire per trovarsi in un ambiente accogliente e familiarizzante, bere e mangiare bene, incontrare volti nuovi.

ristorante-biccaba Image

[23 km] Ristorante Biccabà

Locale dal design impeccabile, essenziale e moderno, situato nel Centro Commerciale CineTuscia Village di Vitorchiano.

al-77 Image

[23 km] Al 77

Orlando e Manfredi vi invitano nel nuovo locale del centro storico a Viterbo, in via San Pellegrino, nel quartiere medievale.



Da vedere

museo-di-palazzo-doebbing-sutri Image

[0 km] Museo di Palazzo Doebbing

Il Vescovado di Sutri attesta le antiche radici cristiane della città sin dai primi secoli del Medioevo. Il palazzo vescovile risulta così essere il fulcro non soltanto religioso ma anche culturale ed artistico dell’intera città.

palazzo-giustiniani-bassano-romano Image

[4 km] Palazzo Giustiniani

Il Palazzo Giustiniani (o Villa Giustiniani Odescalchi), si trova a Bassano Romano, in provincia di Viterbo. Acquistato nel 2003 dallo Stato Italiano e proprietà del MIBACT, dal dicembre 2014 è gestito dal Polo museale del Lazio.

museo-archeologico-dell-agro-falisco-civita-castellana Image

[16 km] Museo Archeologico dell'Agro Falisco

Il Museo Archeologico dell’Agro Falisco ha sede nello splendido Forte Sangallo di Civita Castellana, costruito alla fine del XV secolo da Antonio da Sangallo il Vecchio, sullo sperone occidentale del pianoro civitonico, per volontà di papa Alessandro VI Borgia. A pianta pentagonale, con cinque bastioni, di cui tre muniti di cannoniere, è circondato da un fossato artificiale, tranne che sul lato nord.