Graffignano

Ceramica, reperti dal castello di Graffignano in mostra a Viterbo


data: dal 19 settembre al 15 novembre 2020

luogo: Museo della Ceramica della Tuscia (Via Cavour 67), Viterbo

orario: orari vari

Il Museo della Ceramica della Tuscia di Viterbo, in Via Cavour 67, ospita dal 19 settembre al 15 novembre 2020 la mostra Graffignano. Frammenti di vita quotidiana dai butti del Castello Baglioni.

L’evento è realizzato grazie al contributo della Fondazione Carivit, ente proprietario e gestore del museo, in collaborazione con l’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’Area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale, e con il patrocinio dei Comuni di Viterbo e di Graffignano, della Provincia di Viterbo e della Comunità Montana dei Monti Cimini. Giuseppe Romagnoli dell’Università degli Studi della Tuscia (DISTU) è il curatore e il coordinatore scientifico della mostra.

I butti del castello di Graffignano

I materiali esposti in mostra provengono dagli scavi archeologici condotti tra il 2009 e il 2011 in concomitanza lavori di consolidamento e restauro del piano terra del Castello Baglioni Santacroce di Graffignano, in collaborazione con la Soprintendenza. In occasione di quei lavori, dopo la rimozione della pavimentazione moderna, vennero alla luce tre “pozzi da butto”, utilizzati per lo smaltimento dei rifiuti domestici del Castello tra il XV e il XVII secolo. Vi veniva scaricato tutto ciò che era scartato o non più utilizzabile nella residenza dei signori di Graffignano: vasi in ceramica rotti, usurati o semplicemente fuori moda; manufatti in pietra, in metallo e in osso danneggiati o inservibili; resti di pasto, scarti di cucina e altri materiali organici; scarti edili provenienti da lavori di manutenzione o di ristrutturazione effettuati nel castello.

Altri oggetti rinvenuti nei butti erano caduti accidentalmente, come la moneta aurea di Callisto III (14551458). Come tutti gli scarichi domestici, i butti del Castello Baglioni costituiscono una straordinaria fonte di informazione su molteplici aspetti della vita quotidiana del passato, riflettendo piuttosto fedelmente le pratiche di uso, consumo, riuso e scarto dei manufatti, nonché i cambiamenti di gusto e lo stile di vita di coloro che vi abitavano.

Orari e modalità di accesso

La mostra resterà aperta al pubblico dal 19 settembre al 30 settembre dal giovedì alla domenica con orario 10.00-13.00 / 15.30-18.30 e dal 1: ottobre al 15 novembre dal venerdì alla domenica con orario 10.00-13.00 / 15.00-18.00.

L’evento è realizzato nel rispetto della normativa relativa al contenimento del contagio da Covid-19, pertanto per una visita in sicurezza possono entrare massimo 12 persone alla volta, è a disposizione il gel igienizzante per le mani, è necessario rispettare la segnaletica a pavimento e indossare la mascherina.

Per prenotazioni e informazioni è possibile inviare una mail all’indirizzo o telefonare al numero sotto indicati, lasciando eventualmente un messaggio nella segreteria telefonica, o recarsi direttamente presso il Museo della Ceramica della Tuscia.



tel: 0761223674

e-mail: museoceramicatuscia@fondazionecarivit.it

web: www.museodellaceramicadellatuscia.it