Cinque appuntamenti con i grandi nomi dello spettacolo a Carsulae


data: Dal 16 al 30 giugno

luogo: Parco Archeologico di Carsulae

orario: ore 20.45

Si chiama Carsulaeteatro e porta la firma congiunta delle amministrazioni comunali di Terni e San Gemini, del Teatro Stabile dell’Umbria e del concessionario del Sistema Museale e Teatrale di Terni, la rassegna che dal 16 al 30 giugno si terrà presso il Teatro Romano di Carsulae.
Realizzata grazie al finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, Carsulaeteatro porterà nella splendida cornice romana del parco archeologico alcuni personaggi dello spettacolo di grande fama, impegnati con testi capaci di valorizzare le caratteristiche dello spazio teatrale dell’area stessa.
I primi tre spettacoli fanno parte di un progetto del Teatro Pubblico Ligure, “Iliade un racconto mediterraneo” firmato da Sergio Maifredi che vedrà in scena sabato 16 giugno alle ore 20.45 Moni Ovadia con il primo canto del poema omerico, “L’ira di Achille”, per proseguire venerdì 22 giugno con Tullio Solenghi ne “Il duello per Elena” e domenica 24 giugno con Amanda Sandrelli con i canti XVI e XVII, “La morte di Patroclo”.
Giovedì 28 giugno, sempre alle 20.45, sarà la volta di Marco Paolini con “U.”, un’odissea tascabile ridotta ad un oratorio diviso in movimenti, rapsodie, ballate e frottole. La narrazione di Paolini viaggia su invenzioni di linguaggio immediato, pop, politicamente scorretto ma che mantiene fedelmente tutte le corrispondenze con le tappe, gli incontri e le peripezie del viaggio omerico.
Finale affidato, sabato 30 giugno, alla produzione Bologninicosta “Le Supplici ovvero l’Ultimo Dio“, il momento in cui a partire da Eschilo nasce una nuova era, o visione. È il nuovo mondo dove le divinità antiche tramontano sui popoli che attraversano il mare. L’Ultimo Dio è una tragedia che parte da ieri per parlare del domani, dei flussi migratori, di mondi lontani. Il testo e la regia dello spettacolo sono di Sofia Bolognini e vede in scena Luisa Borini, Cesare D’Arco, Marcello Gravina, Giacomo De Rose, Aurora Di Gioia, Serena Sansoni, Alice Giorgi, Chiara Aquaro mentre le musiche originali sono di Dario Costa.

Il costo del biglietto d’ingresso a ciascuno spettacolo è di 10 euro (5 euro, biglietto ridotto per gli under 14).
E’ inoltre possibile acquistare gli abbonamenti: per i tre spettacoli di “Iliade un racconto mediterraneo” il prezzo è di 24 euro (€ 12 per gli under 14); mentre il costo per partecipare ai 5 spettacoli in programma è di 40 euro (€ 20 per gli under 14).
Sarà possibile acquistare biglietti ed abbonamenti in prevendita da martedì 5 giugno al botteghino centrale del CAOS, dal martedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.
La sera stessa degli spettacoli la vendita avviene presso il Centro Visita e Documentazione dell’Area Archeologica di Carsulae.

 



tel: 0744549712

e-mail:

web: www.comune.terni.i










Strutture Vicine

pub-al-55 Image

[6 km] Pub al 55

Nel caratteristico borgo di Acquasparta, proprio al numero 55 di via Colonna, c’è un locale accogliente, familiare e con ottima birra!

yokel Image

[11 km] Yokel

Yokel è una hamburgeria nel cuore della città di Terni ma ha un sapore internazionale per quel che riguarda il modo di concepire il cibo!

la-raffineria Image

[12 km] La Raffineria

Nato dalla tradizione gastronomica della Famiglia Alpini, questo nuovo locale è un compromesso fra modernità e tradizione, uno spazio polivalente difficile da collocare sotto una specifica categoria



Da vedere

orte-sotterranea Image

[24 km] Orte Sotterranea

Orte Sotterranea è un percorso nei secoli dall’epoca etrusca ai giorni nostri, tra cunicoli di acquedotto, cisterne, colombaie, cantine e pozzi di neve. La gestione di apertura e visite è a cura dell’associazione Veramente Orte.

muvis-museo-del-vino-delle-scienze-agroalimentari Image

[29 km] MUVIS - Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari

Il MUVIS – Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari è inserito all’interno del vasto ed articolato complesso produttivo dei Conti Vaselli, situato nel cuore del borgo di Castiglione in Teverina, ovvero nella grande cantina distribuita su 6 piani (1° piano, piano terra e 4 piani sotterranei), non più in uso, che ha richiesto un esteso intervento di recupero edilizio.