proceno

Dimore storiche e castelli lungo la Via Francigena


data: 24 marzo 2019

luogo: Partenza da Proceno Vt

orario: 11.00

La cooperativa L’Ape Regina di Acquapendente organizza per domenica 24 marzo 2019 un tour guidato nell’Alta Tuscia dal titolo Dimore storiche e castelli lungo la Via Francigena

Il cammino di un pellegrino lungo la Via Francigena è fatto di incontri, di conversazioni rubate durante le soste, di ascolto. Il pellegrinaggio si trasforma così in una scoperta di noi stessi e degli altri. Oggi più che mai mettersi in viaggio aiuta a farci fare pace con il tempo, con cui siamo in continua lotta ogni giorno, aiuta a far emergere la spiritualità e la conoscenza dell’io.

La giornata inizia alle ore 11.00, con visita al Castello di Proceno (nella foto in alto) seguita dal pranzo a buffet nelle cantine della dimora. Dalle 14.30 alle 16.30 in marcia per un trekking urbano sulla Via Francigena nel centro storico di Acquapendente: Chiostro di San Francesco, Torre del Barbarossa, Palazzo Vescovile e Carceri, Cattedrale del Santo Sepolcro e cripta. Alle 17.00 visita al Castello di Torre Alfina nell’omonima frazione.

Minimo 15 e massimo 50 partecipanti. Costi: intero 45 €, bambini e ragazzi 7-14 anni 37 €, bambini 2-6 anni 10 €, soci TEMA-VITA 43 €.

Castello di Proceno

Molte generazioni si sono succedute rispettando sempre con passione sia le radici che la straordinaria storia del Castello di Proceno – Castello Bisoni Cecchini. Oggi questa conoscenza e passione, tramandata in famiglia, costituisce un patrimonio di ricordi, atmosfere, luoghi, persone davvero unico ed irripetibile. In questo luogo dove circa mille anni fa sorse, sulla Via Francigena, una casa torre fortificata che accolse personaggi famosi sia della Chiesa che dell’Impero, gli attuali proprietari si siamo impegnati a restaurare gli ambienti che stavano conoscendo la fase dell’abbandono col fine di curarli e mantenerli perché fossero fruibili anche dalle generazioni future. Dall’associazione culturale che promuove eventi musicali ed il Premio di Etruscologia e Storia Medievale, agli allegri corsi di cucina con degustazione guidata dei vini abbinati ai piatti preparati, tutto è mirato a far si che gli ospiti rallentino il passo della vita frenetica di ogni giorno e trovino il tempo di contemplare un paesaggio che si caratterizza per un rapporto inscindibile, tessuto nei secoli, fra bellezza, storia e cultura.

Cripta del Santo Sepolcro

acquapendente

La cripta del Santo Sepolcro nella Cattedrale di Acquapendente costituisce, per il gioco di colonne ed archi e per la sua antica origine (metà del XII secolo), uno degli esempi più caratteristici ed importanti di cripte romaniche in Italia. Al centro della cripta è posto un sacello a forma di piramide rettangolare, riproducente il Santo Sepolcro di Gerusalemme, con la presenza nel tabernacolo interno, di pietre incastonate che, secondo la tradizione, sarebbero state bagnate dal sangue di Cristo durante la Passione, come attesta una iscrizione latina posta nel muro davanti all’apertura del sacello.

Castello di Torre Alfina

Sfuggono del tutto le circostanze delle origini del Castello di Torre Alfina (Castello Cahen), ma la posizione strategica a guardia di importanti vie di comunicazione, che attraversano anticamente il territorio, ne indica la funzione difensiva in un sistema facente capo a Orvieto. Una cronaca del ’500 fa risalire la fondazione della prima torre detta “del Cassero” all’ VIII sec., ma le prime testimonianze documentarie compaiono nel 1200, con la famiglia Monaldeschi della Cervara, che conservarono la proprietà fino alla metà del XVII secolo, quando per via ereditaria passò alla famiglia Bourbon del Monte. Nel 1880 fu venduta al banchiere di Anversa Edoardo Cahen, che avviò un restauro totale del palazzo affidando il progetto all’architetto senese Giuseppe Partini. Il figlio di Edoardo Cahen, Teofilo Rodolfo, completò i lavori.i (1915). Nella rinnovata ed elegante residenza Rodolfo tornò a soggiornare fino alla promulgazione delle leggi razziali, quando fu costretto ad abbandonare definitivamente l’Italia. Diversi passaggi di proprietà segnano la storia successiva del castello.



tel: 0763730065

e-mail: eventi@laperegina.it

web: www.laperegina.it










Strutture Vicine

osteria-del-grillo Image

[24 km] Osteria del Grillo

L’ Osteria del Grillo, recentemente rinnovata nell’offerta enogastronomica e organizzativa, occupa storicamente a Orvieto una posizione di valore, grazie a un’ attività di ristorazione nata durante gli anni ’40.



Da vedere

pozzo-della-cava-orvieto Image

[23 km] Pozzo della Cava

l complesso ipogeo del Pozzo della Cava di Orvieto è stato riportato alle luce tra il 1984 e il 2003 e reso fruibile soltanto con l’impegno della famiglia che ne è proprietaria, senza alcun contributo pubblico.

museo-della-navigazione-nelle-acque-interne-capodimonte Image

[24 km] Museo della Navigazione nelle Acque Interne

Il Museo della Navigazione nelle Acque interne – MNAI, museo civico del Comune di Capodimonte, è il risultato di un lungo lavoro di ricerca svolto da un team di studiosi della Soprintendenza archeologica per l’Etruria meridionale e della Cooperativa Arx.

teatro-mancinelli-orvieto Image

[24 km] Teatro Mancinelli

Un percorso tra arte, storia e cultura alla scoperta dei segreti di un teatro ottocentesco. Il Teatro Mancinelli di Orvieto. Le porte del teatro sono aperte a tutti quei turisti e cittadini che, apprezzandolo come sede di programmazioni teatrali, sono desiderosi di conoscerne anche il profilo storico e artistico.