Foto: INRI by Photophilla

“direzioniAltre Festival”, performance e spettacoli nel centro di Tuscania


data: dal 13 al 16 giugno 2019

luogo: Centro storico, Tuscania Vt

orario:

Dal 13 al 16 giugno 2019 performance site specific e spettacoli invaderanno gli spazi teatrali e urbani del centro storico di Tuscania per  terza edizione di direzioniAltre Festival, apice della stagione di Twain – Centro di Produzione Danza Regione Lazio.

Il festival sin dalla sua nascita si pone come punto di vista alternativo, sempre alla ricerca di nuove prospettive, libero da preconcetti e stereotipi imposti da un sistema che cristallizza la danza in un’ unica visione statica e unidirezionale. direzioniAltre è quindi un punto d’incontro tra un nuovo pubblico e nuove idee per un teatro vivo, caratterizzato dalla necessità di cercare, la curiosità di trovare ciò che si nasconde e la possibilità di pensare che c’è e ci sarà sempre un’altra direzione da esplorare.

Quest’anno direzioniAltre è caratterizzato non solo dall’accostamento fra artisti emergenti con autori affermati ma anche dal profilo fortemente internazionale delle proposte in scena. Il festival è articolato in due sezioni: performance in site specific e spettacoli in spazi teatrali.

Si parte il 13 giugno ore 21 al Supercinema con C&C Company di Carlo Massari, in scena con il pluripremiato Beast Without Beauty, vincitore del Premio Twain_direzioniAltre 2018, in ex aequo con Sara Angius, anch’essa ospite del festival il 14 giugno ore 21 al Supercinema con Wallpaper, prodotto dal Theater Braunschweigh (Germania). Il 15 giugno alle 21.30 è la volta di Stefano Mazzotta, direttore artistico della Compagnia Zerogrammi, con INRI uno degli spettacoli di maggior successo e più rappresentato della compagnia negli ultimi dieci anni, riproposto in una nuova versione per il Festival nello spazio dell’Ex Tempio Santa Croce.

Cinque invece i progetti urbani che invaderanno il centro storico: Diego Sinniger e Kiko Lopez (Spagna) presenteranno il duetto LIOV il 15 giugno e l’ assolo Dis-connect il 14 giugno, Manuel Martin (Spagna) presenterà Hangar e il Collettivo Sa.Ni di Sguotti/Cisternino sarà in prima assoluta con 1-0, entrambe le performance saranno in scena il 15 e il 16 giugno.

Concluderà la sezione dedicata ai progetti urbani la compagnia residente Cie Twain con Juliette on the Road, una versione site-specific dell’ultima creazione di Loredana Parrella che verrà ospitata nella prestigiosa cornice della Basilica di San Pietro a Tuscania alle 21 del 16 giugno. Lo spettacolo vuole restituire in forma teatrale e coreografica la densità del testo attraverso la semplicità e l’intensità poetica del corpo, in parole e movimenti attraverso la rivisitazione di una storia d’amore universale dove la scrittura del corpo incontra quella del testo shakespeariano. Juliette on the Road, il nuovo progetto produttivo di Twain Centro di Produzione Danza Regionale, è coprodotto da Fondazione Teatro Comunale di Modena, nel 2019 sarà poi in tourneè a San Gimignano, Teatro Romano di Pula, Cagliari, Quartieri dell’Arte Festival, Modena, Soria e Madrid (Spagna), Viterbo, Trieste, Biella.

Come da tradizione il festival dedica l’ultima serata al Premio Twain_direzioniAltre con i suoi sei  finalisti: Andrea Dionisi in Mondi Sterminati, Giorgia Gasparetto in The Home of Camila, Pablo Girolami in Manbuhsa, Agnieszka Jania in Lei, Manolo Perazzi in Fermo immagine e Priscilla Pizziol in Vengo a perderti. Appuntamento il 16 giugno alle 21 al Supercinema con l’esibizione dei finalisti, selezionati da una Commissione d’eccezione composta da Alessandro Pontremoli – Presidente Commissione Consultiva Settore Danza Mibac , Loredana Parrella – Dir.Artistica Twain, Isabella Di Cola – Responsabile Programmazione Danza ATCL Lazio, Roberta Nicolai – Dir.Artistica Teatri Di Vetro Festival, Ariella Vidach – Dir.Artistica Aiep/Did Studio Milano, Silvana Barbarini – Dir.Artistica Vera Stasi, Simonetta Pusceddu – Dir.Artistica Cortoindanza Cagliari, e Stefano Mazzotta – Dir.Artistico Zerogrammi Torino.

direzioniAltre Festival 2019, con direzione artistica di Loredana Parrella, è organizzato da Twain Centro di Produzione Danza Regionale, in collaborazione con ATCL Lazio e Vera Stasi con il sostegno di Mibac, Regione Lazio, Comune di Tuscania.

Foto: INRI by Photophilla



tel: 3382051200

e-mail: organizzazione@cietwain.com

web: www.cietwain.com










Strutture Vicine

ristorante-il-molino Image

[18 km] Ristorante Il Molino

Nel centro storico di Viterbo, ai piedi del Palazzo Papale e a pochi passi dal celebre quartiere medioevale, Il Molino ti offre una vasta gamma di antipasti di terra della cucina tradizionale: bruschette, mix di affettati e formaggi, fritti misti e un’ottima mozzarella di bufala.

al-77 Image

[18 km] Al 77

Orlando e Manfredi vi invitano nel nuovo locale del centro storico a Viterbo, in via San Pellegrino, nel quartiere medievale.

blitz-caffe Image

[19 km] Blitz Caffè

Blitz Caffè è una nuova idea di bar: birreria, tavola calda e fredda, cocktail bar e wine bar; il tutto racchiuso in unico contenitore in grado di soddisfare i gusti della propria clientela, dalla colazione mattutina fino a notte inoltrata.



Da vedere

museo-della-navigazione-nelle-acque-interne-capodimonte Image

[15 km] Museo della Navigazione nelle Acque Interne

Il Museo della Navigazione nelle Acque interne – MNAI, museo civico del Comune di Capodimonte, è il risultato di un lungo lavoro di ricerca svolto da un team di studiosi della Soprintendenza archeologica per l’Etruria meridionale e della Cooperativa Arx.

museo-del-sodalizio-facchini-santa-rosa-viterbo Image

[19 km] Museo del Sodalizio Facchini di Santa Rosa

Il Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa è stato istituito a Viterbo nel 1994. È ospitato presso la sede del Sodalizio in un edificio medievale al centro del caratteristico quartiere San Pellegrino.

basilica-san-francesco-alla-rocca Image

[19 km] Basilica di San Francesco alla Rocca

La Basilica di San Francesco alla Rocca è una delle più importanti chiese di Viterbo, all’interno del quale si trovano i sepolcri di due papi, Clemente IV e Adriano V. Proprietà del Ministero dei Beni e Attività Culturali e Turismo, dal dicembre 2014 è gestita dal Polo Museale del Lazio.