educazione in natura la giostra ecologica

Educazione in Natura, a Viterbo il nono raduno nazionale


data: 23 e 24 marzo 2019

luogo: La Giostra Ecologica (Via Alcide De Gasperi 31), Viterbo

orario: tutto il giorno

Sabato 23 e domenica 24 marzo 2019 a Viterbo si riunisce il Comitato Promotore per l’Educazione in Natura per un raduno nazionale.

Costituitosi a Novara nel gennaio 2017 da parte di 15 membri fondatori provenienti da tutta Italia, riunisce scuole tradizionali e non, asili nel bosco, asili nido, associazioni, educatori e genitori e si propone come riferimento nazionale per le realtà che si occupano di favorire il contatto tra bambini e natura.

Il Comitato nasce dal bisogno di dar voce a quei progetti educativi, ricreativi o culturali che da diversi anni operano in Italia e sono agenti di cambiamento socio culturale verso un ritrovato senso del contatto con la natura. Presenti ormai su tutto il territorio italiano, sono tantissime le realtà dove i bambini quotidianamente, estate e inverno, con ogni condizione atmosferica, vengono accompagnati nella crescita grazie alla possibilità di vivere esperienze dirette e de-strutturate in natura. Seguire gli interessi dei bambini, lasciarli liberi di determinare autonomamente le attività, consentire loro di utilizzare utensili o di vivere piccole avventure, favorire l’auto-apprendimento e la scoperta continua del mondo che li circonda: questi gli elementi della pedagogia della natura, dall’inglese outdoor education. Ma non solo: si tratta anche di educazione ambientale (environmental education), perché stando all’aperto i piccoli vengono sensibilizzati alla tutela delle risorse naturali in un ottica di sviluppo sostenibile.

L’intento del Comitato è quello di creare luoghi e occasioni di incontro tra i suoi membri e con chi è interessato a questi temi educativi, proponendo convegni, occasioni di formazione e di condivisione di saperi ed esperienze, promuove pubblicazioni, la prima è il Libro Verde, presentato ufficialmente a ottobre 2018 a Firenze alla Fiera Didacta allo stand Tutta un’altra scuola e presto acquistabile da tutti. Il libro è un insieme di visioni ed esperienze dei componenti del Comitato e delle ragioni del suo esistere per far comprendere a tutti il concetto di Educazione in Natura.

Il 23 e il 24 marzo nella città di Viterbo, si svolgerà il 9° Raduno Nazionale per l’Educazione in Natura. L’incontro nazionale è aperto a tutti e avrà come tema Elementari in Natura. I membri del Comitato dopo anni di esperienza sentono il bisogno di confrontarsi su questo tema per dare un continuum ai loro progetti educativi. Nella giornata di sabato si ascolteranno la testimonianza di alcune realtà che hanno già attivato dei progetti per la fascia 6-11 anni, si aprirà un tavolo di discussione sul senso comune antropologico dell’educazione in natura anche alla primaria e parleremo infine degli aspetti normativi e burocratici. Domenica si accoglieranno tutte le persone e le realtà che lavorano o vogliono creare attività in natura: condivisione, confronto, scambi di esperienza e tavoli di lavoro.

Il raduno sarà ospitato dall’Associazione La Giostra Ecologica, una “fattoria ludica” ai piedi del Monte Palanzana confinante con la Riserva Naturale Valle dell’Arcionello e la parte boschiva della Palanzanella. La Giostra Ecologica, socio fondatore del comitato, è una realtà in un contesto urbano ben radicata sul territorio viterbese, nata ufficialmente nel 2013, nasce con l’obiettivo di non far perdere ai bambini il contatto con la natura e gli animali, il progetto alla base era quello di creare una “fattoria ludica”, un luogo all’aperto di condivisone per le famiglie, a contatto con gli animali, dove i bambini fossero liberi di esprimersi nella loro attività più bella: il gioco. Ma anche uno spazio creativo, un laboratorio continuo dove i bambini potessero imparare a crescere attraverso attività ludiche o didattiche esperienziali ed emozionali utilizzando la natura, i pony, l’asino, le caprette, gli animali da cortile, l’orto e il bosco. Le attività svolte dall’Associazione sono rivolte a tutti, con una particolare attenzione verso chi presenta forme di fragilità o di svantaggio psico-fisico o sociale, è punto di riferimento per ricavarne benessere, infatti da alcuni anni è diventata sede di interventi assistiti con gli animali collaborando con scuole, cooperative, azienda sanitaria locale e associazioni del territorio.



tel:

e-mail: iscrizioni@educazioneinnatura.org

web: www.giostraecologica.com










Strutture Vicine

andrews-pub Image

[1 km] Andrew's Pub

L’Andrew’s pub nasce nel 1995 e si specializza in birre artigianali italiane e non, sia alla spina che in bottiglia.

blitz-caffe Image

[1 km] Blitz Caffè

Blitz Caffè è una nuova idea di bar: birreria, tavola calda e fredda, cocktail bar e wine bar; il tutto racchiuso in unico contenitore in grado di soddisfare i gusti della propria clientela, dalla colazione mattutina fino a notte inoltrata.

totos-pub Image

[1 km] Toto's Pub

Il Toto’s Pub nasce nel 1989 con l’obiettivo di soddisfare le esigenze di tutti coloro che, dopo una giornata di lavoro, desiderano uscire per trovarsi in un ambiente accogliente e familiarizzante, bere e mangiare bene, incontrare volti nuovi.



Da vedere

basilica-san-francesco-alla-rocca Image

[1 km] Basilica di San Francesco alla Rocca

La Basilica di San Francesco alla Rocca è una delle più importanti chiese di Viterbo, all’interno del quale si trovano i sepolcri di due papi, Clemente IV e Adriano V. Proprietà del Ministero dei Beni e Attività Culturali e Turismo, dal dicembre 2014 è gestita dal Polo Museale del Lazio.

museo-del-sodalizio-facchini-santa-rosa-viterbo Image

[2 km] Museo del Sodalizio Facchini di Santa Rosa

Il Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa è stato istituito a Viterbo nel 1994. È ospitato presso la sede del Sodalizio in un edificio medievale al centro del caratteristico quartiere San Pellegrino.

viterbo-sotterranea Image

[2 km] Viterbo Sotterranea

Viterbo Sotterranea è composta da un reticolo di gallerie che si estendono sotto il centro storico e conducono fin oltre la cinta muraria. Per ora l’unico tratto percorribile si snoda per circa 250 metri disposti su due livelli sotto Piazza della Morte, rispettivamente a 3 e 10 metri di profondità.