Evento di primavera al Giardino La Serpara di Civitella d’Agliano


data: 24 marzo 2019

luogo: Giardino La Serpara (SP Teverina km 26), Civitella d'Agliano Vt

orario: 15.00

L’associazione culturale La Serpara presenta l’evento di primavera al Giardino La Serpara di Civitella d’Agliano, con visita guidata e la presentazione del libro La ville ouverte. L’appuntamento di domenica 24 marzo 2019 apre così la stagione delle iniziative promosse dall’associazione che si occupa di valorizzare il suggestivo luogo.

Una nuova opportunità per conoscere il giardino di sculture di Paul Wiedmerm che dal 1997 ha aperto le porte al pubblico e che si arricchisce ogni anno di nuove opere. Una realtà che conta ormai più di sessanta opere di artisti provenienti da diversi paesi del mondo all’interno di una valle in cui arte e botanica convivono in sintonia.

Dopo la visita guidata, è in programma la presentazione del libro La ville ouverte. Politiche e poetiche dello spazio pubblico mediterraneo a cura di Marco Trulli, edito da Viaindustriae publishing. Il libro è un focus su alcune pratiche di arte nello spazio pubblico che attraversano il Mediterraneo e che sono state frutto di mostre, workshop e residenze nell’;ambito del programma di azioni de La Ville Ouverte, piattaforma promossa da Arci nazionale nell’ambito del network di BJCEM – Biennale dei Giovani Artisti d’Europa e del Mediterraneo.

Il libro disegna una geografia del panorama artistico mediterraneo che si interroga sulla relazione tra le forme del poetico e del politico, sviluppando progetti comunitari, azioni partecipative, performance e interventi che agiscono sullo e nello spazio pubblico. Un processo continuo di decostruzione della realtà come strategia di interrogazione dei traumi del paesaggio, delle mappe sensibili disegnate dall’esercizio del potere in tutto il Mediterraneo. Il libro contiene anche un’appendice con una serie di progetti ed immaginari di diversi artisti ed autori che hanno partecipato alle ultime edizioni di Mediterranea. Young Artists Biennale.

L’evento è l’occasione per aderire all’associazione culturale La Serpara rinnovando la tessera Arci.

Programma
ore 15.00 Apertura giardino
ore 15.30 visita guidata – prenotazione gradita
ore 17.00 Presentazione del libro con proiezione video
ore 18.00 Aperitivo (riservato ai soci)



tel: 0761914071

e-mail: la-serpara@libero.it

web: www.serpara.net










Strutture Vicine

osteria-del-grillo Image

[15 km] Osteria del Grillo

L’ Osteria del Grillo, recentemente rinnovata nell’offerta enogastronomica e organizzativa, occupa storicamente a Orvieto una posizione di valore, grazie a un’ attività di ristorazione nata durante gli anni ’40.

trattoria-la-quercia-matta Image

[15 km] Trattoria La Quercia Matta

Un’atmosfera calda e accogliente resa ancor più suggestiva dalla quercia ultracentenaria che si erge al centro del giardino.

ristorante-biccaba Image

[17 km] Ristorante Biccabà

Locale dal design impeccabile, essenziale e moderno, situato nel Centro Commerciale CineTuscia Village di Vitorchiano.



Da vedere

muvis-museo-del-vino-delle-scienze-agroalimentari Image

[6 km] MUVIS - Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari

Il MUVIS – Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari è inserito all’interno del vasto ed articolato complesso produttivo dei Conti Vaselli, situato nel cuore del borgo di Castiglione in Teverina, ovvero nella grande cantina distribuita su 6 piani (1° piano, piano terra e 4 piani sotterranei), non più in uso, che ha richiesto un esteso intervento di recupero edilizio.

teatro-mancinelli-orvieto Image

[15 km] Teatro Mancinelli

Un percorso tra arte, storia e cultura alla scoperta dei segreti di un teatro ottocentesco. Il Teatro Mancinelli di Orvieto. Le porte del teatro sono aperte a tutti quei turisti e cittadini che, apprezzandolo come sede di programmazioni teatrali, sono desiderosi di conoscerne anche il profilo storico e artistico.

orvieto-underground Image

[15 km] Orvieto Underground

Un dedalo di grotte ipogee è nascosto nell’oscurità silenziosa della rupe di Orvieto. La particolare natura geologica del masso su cui sorge la città ha consentito agli abitanti, nel corso di tremila anni, di scavare un incredibile numero di cavità che si estendono, si accavallano, si intersecano al di sotto del tessuto urbano.