Duomo di Orvieto

Festival Internazionale d’Arte e Fede, quattordicesima edizione a Orvieto


data: dal 9 al 23 giugno 2019

luogo: Orvieto Tr

orario:

Quattordicesima edizione a Orvieto per il Festival Internazionale d’Arte e Fede, in programma dal 9 al 23 giugno 2019 con una serie di incontri, proiezioni, mostre, spettacoli, concerti, conferenze, attività incentrate sui temi dell’arte e della fede e sul rapporto tra di esse oggi, a livello erudito e popolare allo stesso tempo.

Tra gli ospiti di punta dell’edizione 2019 – il cui tema è Conversioni. Desideri e (in)decisioni del cambiamento – Padre Bernardo Gianni, l’abate benedettino di San Miniato al Monte di Firenze conosciuto per aver predicato gli esercizi spirituali a Papa Francesco durante la scorsa Quaresima, monsignor Dario Edoardo Viganò, già prefetto e ora assessore per la comunicazione della Santa Sede, la giornalista e scrittrice Costanza Miriano, i registi Kristian Gianfreda, Matteo Ceccarelli e Thomas Turolo, e il noto sacerdote e biblista Don Fabio Rosini, protagonista dell’appuntamento che si terrà in quel di Bolsena in occasione della Marcia della Fede, alla vigilia del Corpus Domini.

Orvieto è una delle testimonianze più autentiche e singolari del rapporto tra arte, fede e storia nel mondo. La città di per sé è un palinsesto d’arte sulla quale sorge il suo monumento simbolo, il Duomo. L’obiettivo del Festival Internazionale d’Arte e Fede è quello di caratterizzare le due settimane che precedono la festività del Corpus Domini, a partire dalla domenica di Pentecoste, con la compresenza di mostre, spettacoli, concerti, incontri e conferenze.

Il Festival vuole coinvolgere religiosi e laici, intellettuali e artisti, credenti e non, cittadini e pellegrini, per celebrare a Orvieto un giubileo permanente d’Arte e Fede, in una città-cattedrale – palcoscenico che abbraccia tutti: la città sul monte che non può rimanere nascosta. Da quindici anni anni sotto la direzione artistica di Alessandro Lardani, il Festival è organizzato e promosso dall’associazione culturale Iubilarte, in collaborazione con il Comune di Orvieto, la Diocesi di Orvieto-Todi, il Capitolo della Cattedrale, l’Opera del Duomo, la Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto e il sostegno di numerose realtà locali, regionali e nazionali.

Programma

Lunedì 10 giugno
Ore 18.00 – Duomo, Cappella di S. Brizio – Incontro con Padre Bernardo Gianni La città dagli ardenti desideri – Per sguardi e gesti pasquali nella vita del mondo.

Martedì 11 giugno|
Ore 21.00 – Cinema Corso – Proiezione film Papa Francesco. Un uomo di parola di Wim Wenders. Presenta Mons. Dario Edoardo Viganò.

Giovedì 13 giugno
Ore 18.00 – Convento Servi di Maria
Mostra d’arte contemporanea degli studenti del Gordon College.
Ore 18.00 e ore 21.00 – Teatro del Carmine
Colloquia, spettacolo teatrale in inglese e in italiano di David Zarko e David Ostwald. Traduzione di Andrea Brugnera.

Venerdì 14 giugno
Ore 18.00 e ore 21.00 – Teatro del Carmine
Colloquia, spettacolo teatrale in inglese e in italiano di David Zarko e David Ostwald. Traduzione di Andrea Brugnera.

Sabato 15 giugno
Ore 18.00 e ore 21.00 – Teatro del Carmine
Colloquia, spettacolo teatrale in inglese e in italiano di David Zarko e David Ostwald. Traduzione di Andrea Brugnera.

Domenica 16 giugno
Ore 17.00 – Cinema Corso
Proiezione film Solo cose belle. Presenta il regista Kristian Gianfreda.

Lunedì 17 giugno
Ore 21.00 – Atrio Palazzo dei Sette (luogo da confermare)
Incontro con Costanza Miriano, giornalista e scrittrice, sul tema Famiglia: luogo di conversione, vocazione e via di santità. In collaborazione con il Centro Culturale ACLI.

Martedì 18 giugno
Ore 18.00 – Cinema Corso (luogo e orario da confermare)
Proiezione film documentario Segni. I miracoli eucaristici da Lanciano a Sokolka prodotto da Vatican Media e Officina della Comunicazione. Presenta il regista e autore Matteo Ceccarelli.
Ore 21.00 Duomo, Cappella di S. Brizio
Rassegna corale. In collaborazione con Vox et Iubilum.

Mercoledì 19 giugno
Ore 21.00 – Cinema Corso
Proiezione film Diec. Il miracolo di Illegio. Presenta il regista Thomas Turolo e Don Alessio Geretti.

Giovedì 20 giugno
Ore 21.30 – Duomo
Concerto d’organo del maestro Nello Catarcia. In collaborazione con Associazione Lea Pacini
Ore 21.00 – Centro storico
Corteo delle Dame

Sabato 22 giugno – Bolsena (VT)
Ore 21.00 – Basilica di Santa Cristina
Incontro con Don Fabio Rosini in preparazione alla Marcia della Fede Bolsena-Orvieto

Domenica 23 giugno
Solennità del Corpus Domini e Corteo Storico per le vie della città.



tel:

e-mail: direzione@festivalartefede.it

web: www. festivalartefede.it










Strutture Vicine

osteria-del-grillo Image

[1 km] Osteria del Grillo

L’ Osteria del Grillo, recentemente rinnovata nell’offerta enogastronomica e organizzativa, occupa storicamente a Orvieto una posizione di valore, grazie a un’ attività di ristorazione nata durante gli anni ’40.

trattoria-la-quercia-matta Image

[29 km] Trattoria La Quercia Matta

Un’atmosfera calda e accogliente resa ancor più suggestiva dalla quercia ultracentenaria che si erge al centro del giardino.



Da vedere

teatro-mancinelli-orvieto Image

[0 km] Teatro Mancinelli

Un percorso tra arte, storia e cultura alla scoperta dei segreti di un teatro ottocentesco. Il Teatro Mancinelli di Orvieto. Le porte del teatro sono aperte a tutti quei turisti e cittadini che, apprezzandolo come sede di programmazioni teatrali, sono desiderosi di conoscerne anche il profilo storico e artistico.

orvieto-underground Image

[0 km] Orvieto Underground

Un dedalo di grotte ipogee è nascosto nell’oscurità silenziosa della rupe di Orvieto. La particolare natura geologica del masso su cui sorge la città ha consentito agli abitanti, nel corso di tremila anni, di scavare un incredibile numero di cavità che si estendono, si accavallano, si intersecano al di sotto del tessuto urbano.

pozzo-della-cava-orvieto Image

[1 km] Pozzo della Cava

ll complesso ipogeo del Pozzo della Cava di Orvieto è stato riportato alle luce tra il 1984 e il 2003 e reso fruibile soltanto con l’impegno della famiglia che ne è proprietaria, senza alcun contributo pubblico.