teatro caffeina viterbo

Cinque giornalisti italiani presentano libri al Teatro Caffeina di Viterbo


data: dal 30 ottobre all'11 dicembre 2020

luogo: Teatro Caffeina (Via Cavour 9), Viterbo

orario: 18.00

Cinque presentazioni culturali d’eccezione, cinque possibilità per incontrare i principali giornalisti italiani a Viterbo: la programmazione di eventi del Teatro Caffeina in Via Cavour 9 riparte dai libri protagonisti del dibattito pubblico italiano, in una formula ovviamente rispettosa delle norme anti Covid-19.

Arriva a Viterbo venerdì 30 ottobre 2020 alle ore 18.00 Sergio Rizzo con Riprendiamoci lo Stato. Come l’Italia può ripartire, sugli scaffali per la serie Bianca di Feltrinelli: l’editorialista di La Repubblica insieme all’economista Tito Boeri propone un viaggio al cuore dello stato, fra una ampia riflessione critica sulla burocrazia e le proposte per riformare la macchina della pubblica amministrazione.

Venerdì 14 novembre è il momento di Goffredo Buccini con Italiani e no. Dagli albanesi ai taxi del mare, storia di un paese a galla su trent’anni di paure: la firma del Corriere della Sera arriva, sempre alle 18.00, con il suo volume per Solferino sulla storia del rapporto, sempre sinergico, fra l’Italia e il sentimento migrante.

Venerdì 21 novembre alle 18.00 torna a Viterbo Aldo Cazzullo che spiega che l’uomo che ha inventato l’Italia ha il nome e il cognome di Dante Alighieri. A riveder le stelle è il titolo del libro che gira il paese in un tour trionfale in queste ultime settimane; il volume, per Strade Blu di Mondadori, racconta come il poeta fiorentino, nel celebrare l’italiano, abbia cambiato per sempre le sorti della penisola.

Giuseppe Cruciani, con la partecipazione di David Parenzo presenta Nudi. Il sesso degli italiani (La Nave di Teseo), il libro di cui lo storico conduttore de La Zanzara parlerà venerdì 28 novembre alle 18.00 per una serata “piccante” e “scorretta”.

Infine venerdì 11 dicembre alle ore 18.00 arriva a Viterbo Alessandro Barbano, già direttore de Il Mattino, autore e saggista. Il suo La visione, ora disponibile per le Frecce di Mondadori, è una proposta politica globale per il rilancio del paese, basata su un rilancio contemporaneo delle culture storiche che hanno costruito la repubblica italiana.

Tutti gli eventi sono a ingresso libero salvo il raggiungimento del numero massimo di spettatori consentiti in base alla norma vigente.



tel:

e-mail: compagniadelteatroassociazione@gmail.com

web:










Strutture Vicine

totos-pub Image

[1 km] Toto's Pub

Il Toto’s Pub nasce nel 1989 con l’obiettivo di soddisfare le esigenze di tutti coloro che, dopo una giornata di lavoro, desiderano uscire per trovarsi in un ambiente accogliente e familiarizzante, bere e mangiare bene, incontrare volti nuovi.

al-77 Image

[1 km] Al 77

Orlando e Manfredi vi invitano nel nuovo locale del centro storico a Viterbo, in via San Pellegrino, nel quartiere medievale.

ristorante-biccaba Image

[6 km] Ristorante Biccabà

Locale dal design impeccabile, essenziale e moderno, situato nel Centro Commerciale CineTuscia Village di Vitorchiano.



Da vedere

museo-del-sodalizio-facchini-santa-rosa-viterbo Image

[0 km] Museo del Sodalizio Facchini di Santa Rosa

Il Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa è stato istituito a Viterbo nel 1994. È ospitato presso la sede del Sodalizio in un edificio medievale al centro del caratteristico quartiere San Pellegrino.

viterbo-sotterranea Image

[0 km] Viterbo Sotterranea

Viterbo Sotterranea è composta da un reticolo di gallerie che si estendono sotto il centro storico e conducono fin oltre la cinta muraria. Per ora l’unico tratto percorribile si snoda per circa 250 metri disposti su due livelli sotto Piazza della Morte, rispettivamente a 3 e 10 metri di profondità.

polo-monumentale-colle-del-duomo-viterbo Image

[0 km] Polo Monumentale Colle del Duomo

Il Polo Monumentale Colle del Duomo, situato sull’omonima altura nel centro storico di Viterbo dove si sviluppò il nucleo più antico della città, comprende il Palazzo dei Papi, la Cattedrale di San Lorenzo e il Museo Colle del Duomo gestito da Archeoares.