giovanni allevi

Giovanni Allevi e Pino Strabioli insieme a Orvieto tra parole e musica


data: 25 luglio 2020

luogo: Piazza Duomo, Orvieto Tr

orario: 21.00

Orvieto sceglie la musica di Giovanni Allevi per la ripartenza. Sabato 25 luglio 2020 alle ore 21.00 in Piazza Duomo, sul sagrato di una delle cattedrali più belle d’Italia e del Mondo, andrà in scena un incontro speciale tra parole e musica con il musicista Giovanni Allevi e l’attore, conduttore e regista Pino Strabioli.

Un risveglio delle coscienze. Una nuova primavera per l’umanità ci attende. Un mondo meno competitivo e più solidale”: questi i temi cari a Giovanni Allevi, filosofo, compositore, pianista e direttore d’orchestra che affronta con spirito rinascimentale le domande che i recenti avvenimenti ci pongono con urgenza. Indagatore del profondo legame tra equilibrio e dis-equilibrio, del valore dell’energia creativa che si sprigiona nelle epoche di crisi, affronterà i possibili percorsi che ci riserva il futuro, coinvolgendo il grande pubblico con il suo straordinario carisma e le dolci note del suo amato pianoforte. Classico ribelle, La musica in testa, L’equilibrio della lucertola sono alcuni titoli librari tra i saggi filosofici del compositore, che descrivono il suo pensiero, la sua estetica musicale e la sua vita. Saranno l’occasione per intraprendere un viaggio alla scoperta delle tappe fondamentali che hanno segnato la sua carriera: le difficoltà, le paure, la rinascita e i grandi successi. “La mia vita artistica – dice Allevi – è sempre stata la ricerca di un equilibrio, tra buio e luce, tra classicità e contemporaneità, tra ansia ed ebbrezza, tra rigore e follia, tra solitudine e condivisione. Il meglio di me l’ho dato… quando l’ho perso!”.

Con questo concerto-evento nella meravigliosa cornice di Piazza Duomo – spiega il sindaco Roberta Tardani, titolare delle deleghe a turismo e cultura – vogliamo idealmente celebrare la ripartenza della città dopo il lockdown. Le parole del maestro Allevi sintetizzano perfettamente quello che noi tutti abbiamo vissuto nella fase più buia dell’emergenza sanitaria, abbiamo dato il meglio di noi nel momento in cui le nostre vite sono state stravolte e abbiamo improvvisamente perso cose che avevamo sempre dato per scontate. Uno spirito che non dovremmo perdere mai”.

Il prezzo unico del biglietto per assistere al concerto è di 25 euro. La prevendita on line sarà attiva a partire da sabato 4 luglio 2020 sui siti www.ticketone.it e www.ticketitalia.com.

Per informazioni è possibile rivolgersi al numero sotto indicato o scrivere agli indirizzi mail info@ticketone.it e info@ticketitalia.com Da giovedì 16 a sabato 25 luglio, ore 13.00 sarà possibile acquistare i biglietti anche presso il punto vendita che sarà allestito nei locali dell’Ufficio Turistico di Piazza Duomo.

pino strabioli

Duomo di Orvieto



tel: 0743222889

e-mail: info@ticketone.it

web: www.ticketone.it










Strutture Vicine

osteria-del-grillo Image

[1 km] Osteria del Grillo

L’ Osteria del Grillo, recentemente rinnovata nell’offerta enogastronomica e organizzativa, occupa storicamente a Orvieto una posizione di valore, grazie a un’ attività di ristorazione nata durante gli anni ’40.



Da vedere

teatro-mancinelli-orvieto Image

[0 km] Teatro Mancinelli

Un percorso tra arte, storia e cultura alla scoperta dei segreti di un teatro ottocentesco. Il Teatro Mancinelli di Orvieto. Le porte del teatro sono aperte a tutti quei turisti e cittadini che, apprezzandolo come sede di programmazioni teatrali, sono desiderosi di conoscerne anche il profilo storico e artistico.

orvieto-underground Image

[0 km] Orvieto Underground

Un dedalo di grotte ipogee è nascosto nell’oscurità silenziosa della rupe di Orvieto. La particolare natura geologica del masso su cui sorge la città ha consentito agli abitanti, nel corso di tremila anni, di scavare un incredibile numero di cavità che si estendono, si accavallano, si intersecano al di sotto del tessuto urbano.

pozzo-della-cava-orvieto Image

[1 km] Pozzo della Cava

ll complesso ipogeo del Pozzo della Cava di Orvieto è stato riportato alle luce tra il 1984 e il 2003 e reso fruibile soltanto con l’impegno della famiglia che ne è proprietaria, senza alcun contributo pubblico.