goya

“Goya. La quinta del sordo” al Teatro Sociale di Amelia


data: 1 marzo 2019

luogo: Teatro Sociale (Via del Teatro), Amelia Tr

orario: 20.30

Dopo il successo dello spettacolo di apertura della stagione di prosa del Teatro Sociale di Amelia, lo scorso 15 marzo con l’opera Se devi dire una bugia dilla grossa, il cartellone prosegue con un altro grande appuntamento. Venerdì 1 marzo 2019, alle 20.30, andrà in scena Goya. La quinta del sordo, tratto dal testo del celebre magistrato-attore-regista Gennaro Francione.

Uno spettacolo di teatro totale, in cui parola, danza, musiche e videoproiezioni, raccontano la crisi artistica ed esistenziale dell’ultimo periodo della vita del celeberrimo artista Francisco Goya. Attraverso le donne della sua vita, il protagonista intesse un dialogo intimo con se stesso e con “i suoi mostri di dentro”.

Il titolo dell’opera, La quinta del sordo, si rifà ai termini con i quali il popolo aveva ribattezzato la casa di campagna nella quale l’artista si era rifugiato ormai sordo e quasi cieco. Un luogo lontano dalla corte, uno spazio privilegiato in cui dipingere in libertà e trasformare in arte le paure, la depressione, le visioni celestiali,  l’ira e le sue mostruose visioni. Goya crede di udire voci irridenti, dialoga con  i fantasmi, fa i conti con il suo passato e con i suoi incubi. E’ così che nascono le sue “pitture nere”, opere cariche di angoscia e turbamento ma incredibilmente dense di gioia e colore. Ma delle sue opere nella scenografia non c’è traccia, ci sono solo cornici vuote che si popolano delle sue donne. Stavolta i riflettori sono accesi non sui quadri di Goya ma sulla sua oscura interiorità, sul suo dramma interiore nel quale ogni spettatore può ritrovare parte di se stesso.

Il profondo travaglio esistenziale del grande pittore spagnolo, considerato il padre dell’arte moderna, è portato in scena dall’impeccabile Paolo Perelli, attore, regista e mattatore dello spettacolo. Accanto a lui quattro splendide ballerine: Lorena Coppola, Federica Balducci, Livia D’Ingegno e Francesca Matellini. Le riprese video sono di Alfredo De Marco.



tel: 0744981453

e-mail: info@iat.amelia.tr.it

web:










Strutture Vicine

pub-al-55 Image

[18 km] Pub al 55

Nel caratteristico borgo di Acquasparta, proprio al numero 55 di via Colonna, c’è un locale accogliente, familiare e con ottima birra!

la-raffineria Image

[19 km] La Raffineria

Nato dalla tradizione gastronomica della Famiglia Alpini, questo nuovo locale è un compromesso fra modernità e tradizione, uno spazio polivalente difficile da collocare sotto una specifica categoria

trattoria-la-quercia-matta Image

[20 km] Trattoria La Quercia Matta

Un’atmosfera calda e accogliente resa ancor più suggestiva dalla quercia ultracentenaria che si erge al centro del giardino.



Da vedere

orte-sotterranea Image

[11 km] Orte Sotterranea

Orte Sotterranea è un percorso nei secoli dall’epoca etrusca ai giorni nostri, tra cunicoli di acquedotto, cisterne, colombaie, cantine e pozzi di neve. La gestione di apertura e visite è a cura dell’associazione Veramente Orte.

muvis-museo-del-vino-delle-scienze-agroalimentari Image

[20 km] MUVIS - Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari

Il MUVIS – Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari è inserito all’interno del vasto ed articolato complesso produttivo dei Conti Vaselli, situato nel cuore del borgo di Castiglione in Teverina, ovvero nella grande cantina distribuita su 6 piani (1° piano, piano terra e 4 piani sotterranei), non più in uso, che ha richiesto un esteso intervento di recupero edilizio.

basilica-san-francesco-alla-rocca Image

[29 km] Basilica di San Francesco alla Rocca

La Basilica di San Francesco alla Rocca è una delle più importanti chiese di Viterbo, all’interno del quale si trovano i sepolcri di due papi, Clemente IV e Adriano V. Proprietà del Ministero dei Beni e Attività Culturali e Turismo, dal dicembre 2014 è gestita dal Polo Museale del Lazio.