gubbio festival del medioevo

Gubbio, il Festival del Medioevo 2021 dedicato a Dante


data: dal 22 al 26 settembre 2021

luogo: Gubbio Pg

orario: orari vari

La settima edizione del Festival del Medioevo, in programma a Gubbio (PG) dal 22 al 26 settembre 2021, ha come tema Il tempo di Dante. Storia e letteratura, intrecciate, nel racconto di cruciali vicende dell’età medievale, dal Duecento fino alla prima metà del Trecento.

Lezioni di storia gratuite e aperte a tutti. Uno sguardo sul passato per provare a capire meglio le grandi questioni della società contemporanea. E per scoprire con occhi nuovi e senza pregiudizi un’epoca vilipesa e spesso liquidata in modo frettoloso attraverso stereotipi, frasi fatte e incredibili luoghi comuni. Protagonisti dell’evento, come ogni anno, saranno i maggiori storici italiani ed europei, insieme a docenti di letteratura, scrittori, saggisti, storici dell’arte, filosofi, scienziati, architetti e giornalisti.

Un viaggio tra storia, arte e cultura, accompagnati dai versi e le opere in prosa del grande poeta. Papato e impero, guelfi e ghibellini, bianchi e neri. Bonifacio VIII e Arrigo VII. Francesco d’Assisi e Domenico di Guzman. Federico II, Manfredi, Pier Damiani e Tommaso d’Aquino. La cronaca politica e la vita intellettuale, dal Dolce Stil Novo alla rivoluzione di Giotto, fino alla “invenzione” del Purgatorio. E tanto altro ancora per il ritratto di un mondo in trasformazione, segnato dalle storiche battaglie della seconda metà del XIII secolo Su tutto, le parole e i versi scolpiti di Dante Alighieri, l’esule che nel suo girovagare sperimenta “come sa di sale lo pane altrui, e come è duro calle lo scendere e ‘l salir per l’altrui scale“.

Altri importanti appuntamenti arricchiscono i cinque giorni del Festival del Medioevo: la Fiera del libro medievale con tutto quello che c’è da leggere sul Medioevo, il focus sui Medievalismi che descrive la ricezione, l’utilizzo e la rappresentazione post-medievale dell’Età di Mezzo, tra film, saghe televisive, letterature, musiche, fumetti e videogiochi; Miniatori dal mondo dedicato a miniaturisti e calligrafi e La scuola dei rievocatori, appuntamento pensato per valorizzare, attraverso l’analisi e la ricostruzione delle fonti storiche, l’appassionato lavoro di centinaia di associazioni e di migliaia di rievocatori che in ogni regione d’Italia fanno rivivere la storia e le tradizioni popolari dei loro territori.

Il Festival del Medioevo offre anche mostre, eventi teatrali, recital, concerti di musica medievale, lezioni-spettacolo, laboratori di danza e visite guidate alla scoperta dell’Umbria medievale insieme a spazi particolari dedicati alla rievocazione storica, all’artigianato e agli antichi mestieri.

Il Festival del Medioevo di Gubbio

Ideato dal giornalista Federico Fioravanti, l’evento è organizzato dall’associazione culturale Festival del Medioevo in collaborazione con il Comune di Gubbio. Il Festival del Medioevo è una lente posata sul passato per provare a capire meglio l’età presente. E per scoprire con occhi nuovi e senza pregiudizi un’epoca vilipesa e spesso liquidata in modo frettoloso attraverso stereotipi, frasi fatte e incredibili luoghi comuni. Secoli che per pigrizia, ignoranza o comodità, spesso vengono catalogati come “bui” oppure “oscuri”

Il Festival del Medioevo gode del patrocinio della Regione Umbria e dei patrocini scientifici del Ministero dei Beni Culturali, della Società Dantesca, della Società Dante Alighieri, dell’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo (Isime), della Enciclopedia Treccani, della Società Italiana Storici Medievisti (Sismed), della Società degli Archeologi Medievisti Italiani (Sami), del Pontificio Consiglio della Cultura in Vaticano, del Centro Studi Longobardi, del Centro di studi storici mediterranei “Marco Tangheroni” l’istituto autonomo statale Museo delle Civiltà che ingloba il Museo Alto Medioevo di Roma e il Centro di Cultura e Storia Amalfitana. Partner per il settore didattico sono l’Università Lumsa e la Fondazione Giuseppe Mazzatinti di Gubbio.

La RAI, con RAI Cultura e i canali RAI Storia e RAI Radio3 è il principale media partner della manifestazione, insieme alle riviste di divulgazione storica MedioEvo e Archeo. Collaborano in modo stabile con il Festival del Medioevo anche Italia Medievale, portale web impegnato da molti anni nella promozione del patrimonio storico e artistico del Medioevo italiano, MediaEvi, pagina Facebook specializzata nell’analisi dei cosiddetti medievalismi, Feudalesimo e Libertà, fenomeno social di goliardia e satira politica, il sito e la casa editrice Enciclopedia delle donne, un’opera collettiva sul web che raccoglie le biografie di donne di ogni tempo e paese e Radio Francigena, la voce dei cammini.

Sostengono la manifestazione il Comune di Gubbio, la Regione Umbria, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, il Gruppo Azione Locale Alta Umbria (GAL) e la Camera di Commercio di Perugia. Tra gli sponsor principali Colacem, Fondazione Pallavicini, Banco Desio, Metalprogetti, Fondazione Mazzatinti, Tecla, CVR e New Font.



tel:

e-mail: info@festivaldelmedioevo.it

web: www.festivaldelmedioevo.it