Alfredo Pirri, bozzetto per Lanterna Termale, ex Terme Inps, 2017 (2)

I progetti di opere d’arte contemporanea lungo la Via Francigena


data: 13 giugno 2019

luogo: Palazzo dei Priori (Piazza del Plebiscito), Viterbo

orario: 16.30

Giovedì 13 giugno 2019 alle ore 16.30 presso la Sala Regia del Comune di Viterbo a Palazzo dei Pirori si terrà la conferenza di presentazione dei progetti di arte contemporanea dell’Accademia Nazionale di San Luca e di Coopculture finanziati dalla Regione Lazio nell’ambito dell’avviso pubblico regionale Arte sui Cammini.

Tra i 7 progetti selezionati dalla Regione su tutto il Lazio, due interessano il territorio comunale e provinciale di Viterbo: Viandante e Lo spazio del cielo.

Viandante

Viandante, promosso dall’Accademia Nazionale di San Luca e curato da Barbara Reggio, prevede gli interventi di Andrea Aquilanti nel passaggio pedonale di Via Marconi e di Leonardo Petrucci nell’area termale delle Piscine Carletti (Strada Terme), siti disposti entrambi lungo la Via Francigena nel nord.

Le due opere di Andrea Aquilanti, inserite nel contesto di un’importante riqualificazione urbana, riflettono sul concetto di itinerario spirituale attraverso la riproposizione di un movimento reale o suggerito, grazie all’uso della videoproiezione e dell’interazione con i passanti e intessono un rapporto con la città di Viterbo, la cui cinta muraria antica è riproposta in quattro lunghi disegni a stampa.

L’opera di Leonardo Petrucci prosegue l’idea di questa tensione motrice sintetizzando l’eredità storica e culturale della Via Francigena in una grande scultura in travertino attraversabile dai visitatori, sulle cui facciate sarà inciso il primo documento che ha consentito l’identificazione di questo cammino. Uno scavo archeologico preventivo dell’area termale ha fatto emergere delle significative preesistenze di epoca romana che contribuiscono ad arricchire ulteriormente il nesso culturale che lega l’intervento contemporaneo alla storia stratificata di questo territorio.

Andrea Aquilanti, bozzetto per Scala Santa, 2019, videoproiezione in diretta e acrilico su muro

Andrea Aquilanti, bozzetto per Scala Santa, 2019 – videoproiezione in diretta e acrilico su muro.

 

Leonardo Petrucci, work in progress di Submansio VI, 2019, Fresatura CNC su travertino

Leonardo Petrucci, work in progress di Submansio VI, 2019 – fresatura CNC su travertino.

 

Lo spazio del cielo

Lo spazio del cielo, promosso da Coopculture in collaborazione con Arci Viterbo, è un percorso ad anello lungo i due tracciati della Via Francigena tra Viterbo, Vetralla, Sutri e Caprarola. Il progetto prevede gli interventi di Alfredo Pirri presso la guardiola delle ex Terme Inps di Viterbo in Strada Bagni, di Elena Mazzi al Fossato Callo a Vetralla, di Teodosio Magnoni a Sutri e di Matteo Nasini nell’area di lancio dei deltaplani all’interno della Riserva Naturale del Lago di Vico, a Caprarola.

Le opere, lungo questo percorso ad anello, orientano il passo, illuminano il percorso come lanterne, risuonano nel paesaggio, sono stazioni che segnano sempre un confine, l’arrivo in un centro abitato, il varco di un limite, l’inizio di una nuova fase del cammino.

Lanterna Termale di Alfredo Pirri è un intervento che riqualifica una porzione delle ex Terme Inps, trasformando la vecchia guardiola in una lanterna, la scultura di Elena Mazzi riflette sulle trasformazioni geologiche del territorio all’interno di un progetto integrato di risistemazione dell’area naturalistica del Fossato Callo nei pressi del Foro Cassio a Vetralla, Torre Tuscia di Teodosio Magnoni rielabora le architetture del territorio e le bucature delle necropoli in versione contemporanea attraverso una scultura che si integra col paesaggio. Infine i Risuonatori eolici di Matteo Nasini, posizionati nei pressi dell’area di lancio dei deltaplani all’interno della Riserva del Lago di Vico, intercettano i venti e producono un canto del paesaggio, un’armonia naturale che amplifica le suggestioni del paesaggio.

Alfredo Pirri, bozzetto per Lanterna Termale, ex Terme Inps, 2017 (2)

Alfredo Pirri, bozzetto per Lanterna Termale, ex Terme Inps, Viterbo, 2017.

 

Elena Mazzi, Studio per Fossato Callo

Elena Mazzi, Studio per Fossato Callo.

 

Teodosio Magnoni, modello per Torre Tuscia

Teodosio Magnoni, modello per Torre Tuscia.

 

Matteo Nasini, Risuonatori eolici, bozzetto, 2019

Matteo Nasini, Risuonatori eolici, bozzetto, 2019.

 

La presentazione

La conferenza del 13 giugno a Viterbo prevede la partecipazione degli artisti coinvolti, dei curatori dei progetti e il saluto dell’assessore Laura Allegrini per il Comune di Viterbo e degli amministratori di Vetralla, Sutri e Caprarola, della Riserva Naturale del Lago di Vico e un rappresentante della Regione Lazio.

Interverranno inoltre Simone Quilici, funzionario dell’area Valorizzazione del Patrimonio culturale della Regione Lazio e i docenti dell’Università degli Studi della Tuscia Elisabetta Cristallini di storia dell’arte contemporanea e Stefano Pifferi di letteratura italiana, con l’obiettivo di inquadrare gli interventi dal punto di vista storico e artistico e con particolare riferimento ai cammini spirituali e alla storia della letteratura di viaggio.

Saluti
Laura Allegrini, assessore ai lavori pubblici e al centro storico del Comune di Viterbo
Amministratori dei Comuni di Vetralla, Sutri e Caprarola
Daniela Boltrini, Presidente Riserva Lago di Vico
Rappresentante della Regione Lazio

Segni contemporanei lungo i percorsi spirituali
Simone Quilici, funzionario Area Valorizzazione del Patrimonio culturale della Regione Lazio
Elisabetta Cristallini, docente di Storia dell’Arte Contemporanea, Università degli Studi della Tuscia
Stefano Pifferi, docente di Letteratura italiana, Università degli Studi della Tuscia

I progetti

Viandante, Accademia Nazionale di San Luca
Gianni Dessì, accademico, Presidente per il biennio 2017-2018
Barbara Reggio, curatore del progetto
Andrea Aquilanti, artista
Leonardo Petrucci, artista
Archeomatica, Società di servizi innovativi per l’archeologia

Lo spazio del cielo, Coopculture
Marco Trulli, curatore del progetto
Saverio Verini, curatore
Alfredo Pirri, artista
Elena Mazzi, artista
Matteo Nasini, artista
Teodosio Magnoni, artista
Roberta Postiglioni e Stefania Fieno, direttore dei lavori



tel: 3332138640

e-mail:

web: www.regione.lazio.it/rl/arte-sui-cammini/










Strutture Vicine

ristorante-il-molino Image

[0 km] Ristorante Il Molino

Nel centro storico di Viterbo, ai piedi del Palazzo Papale e a pochi passi dal celebre quartiere medioevale, Il Molino ti offre una vasta gamma di antipasti di terra della cucina tradizionale: bruschette, mix di affettati e formaggi, fritti misti e un’ottima mozzarella di bufala.

blitz-caffe Image

[0 km] Blitz Caffè

Blitz Caffè è una nuova idea di bar: birreria, tavola calda e fredda, cocktail bar e wine bar; il tutto racchiuso in unico contenitore in grado di soddisfare i gusti della propria clientela, dalla colazione mattutina fino a notte inoltrata.

al-77 Image

[1 km] Al 77

Orlando e Manfredi vi invitano nel nuovo locale del centro storico a Viterbo, in via San Pellegrino, nel quartiere medievale.



Da vedere

museo-del-sodalizio-facchini-santa-rosa-viterbo Image

[0 km] Museo del Sodalizio Facchini di Santa Rosa

Il Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa è stato istituito a Viterbo nel 1994. È ospitato presso la sede del Sodalizio in un edificio medievale al centro del caratteristico quartiere San Pellegrino.

viterbo-sotterranea Image

[0 km] Viterbo Sotterranea

Viterbo Sotterranea è composta da un reticolo di gallerie che si estendono sotto il centro storico e conducono fin oltre la cinta muraria. Per ora l’unico tratto percorribile si snoda per circa 250 metri disposti su due livelli sotto Piazza della Morte, rispettivamente a 3 e 10 metri di profondità.

polo-monumentale-colle-del-duomo-viterbo Image

[0 km] Polo Monumentale Colle del Duomo

Il Polo Monumentale Colle del Duomo, situato sull’omonima altura nel centro storico di Viterbo dove si sviluppò il nucleo più antico della città, comprende il Palazzo dei Papi, la Cattedrale di San Lorenzo e il Museo Colle del Duomo gestito da Archeoares.