La giara. Un meraviglioso regalo


data: 19 novembre 2017

luogo: Teatro Boni (Piazza della Costituente 9), Acquapendente Vt

orario: 17.30

Domenica 19 novembre 2017 al Teatro Boni di Acquapendente va in scena La giara. Un meraviglioso regalo, una produzione Teatro Boni e Seven Cults (ingresso 10 euro) nell’ambito della stagione teatrale 2017-18.

Una rielaborazione dal racconto di Luigi Pirandello a cura di David Norisco, con Roberto Zurzot, Sandro Nardi, Livia Caputo, Roberta Gentili, Dario Carbone. Regia di Filippo D’Alessio. Se il regalo è un oggetto voluminoso come una giara, non solo ha un valore simbolico esemplare, ma nasconde un imperversante percorso tortuoso dove due visioni si scontrano e si sorreggono. Chi conosce il racconto di Pirandello sa bene quanto la poetica dell’artista siciliano sia qui semplificata nelle due verità a contrasto: la follia taccagna del proprietario della giara e quella dell’artigiano che proprio riparando la giara rotta ne rimane prigioniero.

Attorno a questo irrisolvibile e miserrimo dilemma si snoda il testo: tutto sembra semplice, terra terra, ma invece, come nelle cose del mondo, niente è semplice e il semplice basta un niente per trasformarsi in complicato. In questa rielaborazione però spunta una terza visione: quella del garzone, che nell’entusiasmo dell’età crede nel mondo e nel futuro. Si intrinsecano poi in questa vicenda rurale anche passaggi di Cechov e del suo atto unico “Una domanda di matrimonio” e pure di un altro racconto pirandelliano, “La patente”, dove la iella è portata a paradigma salvifico. Se il proprietario della giara e colui che la giara ripara destano ironia per le loro improbabili visioni del reale del quale sono prigionieri, il giovane garzone invece nella sua ingenuità positiva crea un vortice di gioiosa energia che semina in tutta la storia.



tel: 3341615504

e-mail: info@teatroboni.it

web: www.teatroboni.it










Strutture Vicine

osteria-del-grillo Image

[21 km] Osteria del Grillo

L’ Osteria del Grillo, recentemente rinnovata nell’offerta enogastronomica e organizzativa, occupa storicamente a Orvieto una posizione di valore, grazie a un’ attività di ristorazione nata durante gli anni ’40.



Da vedere

pozzo-della-cava-orvieto Image

[20 km] Pozzo della Cava

l complesso ipogeo del Pozzo della Cava di Orvieto è stato riportato alle luce tra il 1984 e il 2003 e reso fruibile soltanto con l’impegno della famiglia che ne è proprietaria, senza alcun contributo pubblico.

teatro-mancinelli-orvieto Image

[20 km] Teatro Mancinelli

Un percorso tra arte, storia e cultura alla scoperta dei segreti di un teatro ottocentesco. Il Teatro Mancinelli di Orvieto. Le porte del teatro sono aperte a tutti quei turisti e cittadini che, apprezzandolo come sede di programmazioni teatrali, sono desiderosi di conoscerne anche il profilo storico e artistico.

orvieto-underground Image

[20 km] Orvieto Underground

Un dedalo di grotte ipogee è nascosto nell’oscurità silenziosa della rupe di Orvieto. La particolare natura geologica del masso su cui sorge la città ha consentito agli abitanti, nel corso di tremila anni, di scavare un incredibile numero di cavità che si estendono, si accavallano, si intersecano al di sotto del tessuto urbano.