antonio barbieri

“La natura delle forme”, Antonio Barbieri espone da Vetrya


data: dal 22 febbraio all'1 aprile 2019

luogo: Vetrya Corporate Campus (Via dell'Innovazione 2), Orvieto Tr

orario: lunedì-venerdì 9.00-19.00 / sabato e domenica su appuntamento

Venerdì 22 febbraio 2019 la Fondazione Luca e Katia Tomassini presenta la mostra La natura delle forme di Antonio Barbieri – artista milanese di Rho nato nel 1985 – presso il Vetrya Corporate Campus di Orvieto.

Il progetto del giovane scultore si ispira al famoso libro Kunstformen der Natur (Le forme artistiche della natura) del 1904 che comprende una raccolta di 100 litografie e stampe autotipiche del biologo tedesco Ernst Hëckel, rappresentanti diversi organismi, sia vegetali, sia animali, molti dei quali descritti per la prima volta.

Muovendosi liberamente tra le immagini colorate e le svariate forme naturali proposte dalle tavole di Hëckel, Barbieri ha elaborato un’ampia serie di lavori plastici, di disegni e oggetti di diverse dimensioni e materiali che saranno disposti nello spazio, a terra o alle pareti senza soluzione di continuità, sollecitando associazioni formali e cromatiche tali da creare un tipo di ambiente simile ad un laboratorio di biologia, in cui lo scambio reciproco tra arte e natura vuole restituire una visione d’insieme caleidoscopica data dal continuo variare di elementi fitomorfici e geometrici, stilizzati e ornamentali.

La mostra – curata da Davide Sarchioni e pensata in site-specific per lo spazio espositivo – evidenzia gli esiti più recenti della ricerca di Barbieri la cui indagine plastica, volta a rintracciare approcci sempre nuovi alle differenti problematiche legate alla forma e al volume, scaturisce ora da una riflessione sulla natura come sorgente di nuove soluzioni formali ed è affrontata, di opera in opera, come interrogazione continua sulla costituzione e l’evoluzione delle diverse forme naturali, che vengono studiate e riformulate in elaborazioni artistiche utilizzando programmi di modellazione tridimensionale.

Recentemente alcune sculture di Antonio Barbieri sono state scelte per lo spot di Patek Philippe the new Twenty~4 Automatic. Sarà possibile visitare la mostra dal 22 febbraio al 1° aprile 2019 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00, sabato e domenica su appuntamento. Ingresso libero.



tel: 3738860955

e-mail: isaco.praxolu@terramediaproject.it

web: www.fondazionelkt.org










Strutture Vicine

osteria-del-grillo Image

[3 km] Osteria del Grillo

L’ Osteria del Grillo, recentemente rinnovata nell’offerta enogastronomica e organizzativa, occupa storicamente a Orvieto una posizione di valore, grazie a un’ attività di ristorazione nata durante gli anni ’40.



Da vedere

pozzo-della-cava-orvieto Image

[2 km] Pozzo della Cava

l complesso ipogeo del Pozzo della Cava di Orvieto è stato riportato alle luce tra il 1984 e il 2003 e reso fruibile soltanto con l’impegno della famiglia che ne è proprietaria, senza alcun contributo pubblico.

teatro-mancinelli-orvieto Image

[2 km] Teatro Mancinelli

Un percorso tra arte, storia e cultura alla scoperta dei segreti di un teatro ottocentesco. Il Teatro Mancinelli di Orvieto. Le porte del teatro sono aperte a tutti quei turisti e cittadini che, apprezzandolo come sede di programmazioni teatrali, sono desiderosi di conoscerne anche il profilo storico e artistico.

orvieto-underground Image

[3 km] Orvieto Underground

Un dedalo di grotte ipogee è nascosto nell’oscurità silenziosa della rupe di Orvieto. La particolare natura geologica del masso su cui sorge la città ha consentito agli abitanti, nel corso di tremila anni, di scavare un incredibile numero di cavità che si estendono, si accavallano, si intersecano al di sotto del tessuto urbano.