vitorchiano statua marzio

La statua di Marzio torna a Vitorchiano


data: 3 dicembre 2017

luogo: Piazza Umberto I, Vitorchiano Vt

orario: 11.00

La statua di Marzio ritorna a Vitorchiano. Domenica 3 dicembre 2017 sarà ricollocata in Piazza Umberto I la scultura realizzata nel 1979 da Luigi Fondi. L’opera è ispirata allo Spinario, la celebre scultura greca conservata a Roma presso i Musei Capitolini.

L’artista, in seguito a un contenzioso con l’amministrazione comunale di Vitorchiano in carica all’epoca, aveva rimosso la statua. Alcuni mesi fa Fondi, dopo alcuni contatti con l’attuale amministrazione Grassotti, ha deciso di donare la sua opera al Comune.

La statua rievoca simbolicamente uno degli elementi più importanti della storia di Vitorchiano. La leggenda racconta che Marzio, un giovane pastore del posto, fu inviato dai vitorchianesi a Roma per avvisare il Senato romano dell’arrivo minaccioso di un esercito etrusco sulla città. Durante la sua corsa si conficco una spina nel piede, ma nonostante questa disgrazia riuscì a informare i senatori. Marzio morì poco dopo il suo arrivo, mentre i romani riuscirono a prepararsi alla difesa e respinsero gli Etruschi, salvando Roma. Per onorare la virtù del pastorello, i romani lo celebrarono con una statua in bronzo, lo Spinario. Sempre secondo la leggenda, questo episodio fu la premessa che portò al patto di “Fidelato” che lega tuttora Vitorchiano con la capitale.

La vicenda di Marzio, leggenda o realtà che sia, rappresenta un patrimonio fondamentale della storia del nostro paese – commenta il sindaco di  Vitorchiano, Ruggero Grassotti – e con questa iniziativa abbiamo voluto valorizzare e dare un nuovo impulso agli elementi che costituiscono, in modo determinante, l’identità della nostra cittadina. Inoltre, abbiamo chiesto e ottenuto il patrocinio del Comune di Roma a firma del vicesindaco Luca Bergamo“.

Questo il programma della giornata del 3 dicembre. Alle ore 11, in sala consiliare, Francesca Ceci, archeologa dei Musei Capitolini e Augusto Goletti, già direttore dell’Archivio storico di Viterbo, interverranno con notizie storiche sullo Spinario e sulla storia del “Fidelato” con Roma. Alle 12:00 un corteo guidato dalla Banda Musicale Fedeli di Vitorchiano si snoderà per le vie del paese. Alle 12:30 in Piazza Umberto I avrà luogo la cerimonia con l’inaugurazione della statua di Luigi Fondi. Collaborano all’evento Pro Loco Vitorchiano e Servizio Civile Arci Viterbo.



tel:

e-mail:

web: www.comune.vitorchiano.vt.it










Strutture Vicine

ristorante-biccaba Image

[3 km] Ristorante Biccabà

Locale dal design impeccabile, essenziale e moderno, situato nel Centro Commerciale CineTuscia Village di Vitorchiano.

andrews-pub Image

[7 km] Andrew's Pub

L’Andrew’s pub nasce nel 1995 e si specializza in birre artigianali italiane e non, sia alla spina che in bottiglia.

totos-pub Image

[7 km] Toto's Pub

Il Toto’s Pub nasce nel 1989 con l’obiettivo di soddisfare le esigenze di tutti coloro che, dopo una giornata di lavoro, desiderano uscire per trovarsi in un ambiente accogliente e familiarizzante, bere e mangiare bene, incontrare volti nuovi.



Da vedere

museo-del-sodalizio-facchini-santa-rosa-viterbo Image

[8 km] Museo del Sodalizio Facchini di Santa Rosa

Il Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa è stato istituito a Viterbo nel 1994. È ospitato presso la sede del Sodalizio in un edificio medievale al centro del caratteristico quartiere San Pellegrino.

basilica-san-francesco-alla-rocca Image

[8 km] Basilica di San Francesco alla Rocca

La Basilica di San Francesco alla Rocca è una delle più importanti chiese di Viterbo, all’interno del quale si trovano i sepolcri di due papi, Clemente IV e Adriano V. Proprietà del Ministero dei Beni e Attività Culturali e Turismo, dal dicembre 2014 è gestita dal Polo Museale del Lazio.

viterbo-sotterranea Image

[8 km] Viterbo Sotterranea

Viterbo Sotterranea è composta da un reticolo di gallerie che si estendono sotto il centro storico e conducono fin oltre la cinta muraria. Per ora l’unico tratto percorribile si snoda per circa 250 metri disposti su due livelli sotto Piazza della Morte, rispettivamente a 3 e 10 metri di profondità.