le case narranti civita writers

“Le case narranti”, a Bagnoregio presentazione del nuovo libro dei Civita Writers


data: 25 maggio 2019

luogo: Magna Civita (Piazza Sant'Agostino 10 E/F), Bagnoregio Vt

orario: 18.30

Le case narranti, edito da Sette Città, è il nuovo libro del collettivo di scrittura Civita Writers, coordinato dal professor Emiliano Macchioni, che sarà presentato sabato 25 maggio 2019 a Bagnoregio (ore 18.30) presso il giardino del Magna Civita in Piazza Sant’Agostino 10 E/F.

Per l’occasione saranno proiettati i trailer video dei vagabondaggi di scrittura che il gruppo ha effettuato attraverso la Tuscia, a cura di Roberto Piccini, e parteciperanno inoltre tanti ospiti e personaggi viventi del libro.

Il volume, a cura di Emiliano Macchioni con Maurizio Misasi e Antonella Gregori, contiene fotografie di Luciano Pasquini, Pietro Iannetta, Vittorio Faggiani, Iliana Bellitto, Marco D’Aureli e Francesco Mecucci. La prefazione è di Antonello Ricci. Sarà possibile fare l’aperitivo letterario in giardino in compagnia di tanti amici e protagonisti della cultura locale.

L’artista Gino Loperfido terrà la performance di pittura Gesti Narranti – Word & Art in the Garden. Coinvolti nell’evento dieci paesi della Tuscia, raccontati dai Civita Writers. A fine presentazione, si potrà acquistare il libro in compagnia dell’editore Emanuele Paris di Sette Città. Un pomeriggio all’insegna dell’amicizia e della cultura libera. L’evento è organizzato in collaborazione con l’Associazione Culturale Agorà e il Comune di Bagnoregio.

Sfogliando questo libro di racconti, cuciti insieme come una guida ai luoghi del silenzio, fra Tuscia e Maremma, il lettore incontrerà grotte di mistici medioevali e rustiche residenze signorili abbandonate, gravide di memoria letteraria; case-museo, case d’artista e botteghe di borghi fantasma; casolari di campagna, strade antiche, giardini autobiografico-poetici di una certa enfasi o più umili taverne-cantine, luoghi ancora aperti all’alito del quotidiano; palazzi signorili tenacemente abitati da un qualche anfitrione genius loci, che con ostinazione cerca di metterli in valore a dispetto delle tirannie del turismo mordi e fuggi. Pagine fra prosa e poesia, realtà e leggenda. Le case narranti. Rapsodie sui luoghi del silenzio. Vagabondaggi nella Tuscia è un viaggio nella Tuscia dimenticata, alla riscoperta di personaggi mitici, borghi del silenzio e storie perdute. Un lavoro di riscrittura creativa della memoria orale del territorio.

 

Foto di Luciano Pasquini



tel:

e-mail:

web:










Strutture Vicine

osteria-del-grillo Image

[11 km] Osteria del Grillo

L’ Osteria del Grillo, recentemente rinnovata nell’offerta enogastronomica e organizzativa, occupa storicamente a Orvieto una posizione di valore, grazie a un’ attività di ristorazione nata durante gli anni ’40.

trattoria-la-quercia-matta Image

[20 km] Trattoria La Quercia Matta

Un’atmosfera calda e accogliente resa ancor più suggestiva dalla quercia ultracentenaria che si erge al centro del giardino.

ristorante-biccaba Image

[21 km] Ristorante Biccabà

Locale dal design impeccabile, essenziale e moderno, situato nel Centro Commerciale CineTuscia Village di Vitorchiano.



Da vedere

muvis-museo-del-vino-delle-scienze-agroalimentari Image

[9 km] MUVIS - Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari

Il MUVIS – Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari è inserito all’interno del vasto ed articolato complesso produttivo dei Conti Vaselli, situato nel cuore del borgo di Castiglione in Teverina, ovvero nella grande cantina distribuita su 6 piani (1° piano, piano terra e 4 piani sotterranei), non più in uso, che ha richiesto un esteso intervento di recupero edilizio.

pozzo-della-cava-orvieto Image

[10 km] Pozzo della Cava

ll complesso ipogeo del Pozzo della Cava di Orvieto è stato riportato alle luce tra il 1984 e il 2003 e reso fruibile soltanto con l’impegno della famiglia che ne è proprietaria, senza alcun contributo pubblico.

teatro-mancinelli-orvieto Image

[10 km] Teatro Mancinelli

Un percorso tra arte, storia e cultura alla scoperta dei segreti di un teatro ottocentesco. Il Teatro Mancinelli di Orvieto. Le porte del teatro sono aperte a tutti quei turisti e cittadini che, apprezzandolo come sede di programmazioni teatrali, sono desiderosi di conoscerne anche il profilo storico e artistico.