litostrata angela palmarelli

“Litòstrata. Sedimentazione di storie”, Angela Palmarelli espone a Narni


data: dal 30 marzo al 12 maggio 2019

luogo: Museo di Palazzo Eroli (Via Aurelio Saffi 1), Narni Tr

orario:

L’artista Angela Palmarelli espone al Museo di Palazzo Eroli a Narni: la mostra Litòstrata. Sedimentazione di storie sarà inaugurata sabato 30 marzo 2019 alle ore 17.00.

Confrontandosi con le collezioni permanenti e la sede del Museo Eroli di Narni, Angela Palmarelli sceglie il temine Litòstrata per la sua esposizione. Stimolo è il mosaico in opus tessellatum presente in una delle sale, ma sono anche, se non soprattutto, i diversi reperti in pietra che popolano il percorso espositivo  e i panorami che si aprono sulla gola prospiciente con le loro sovrapposizioni di strati e che sembrano trovare uno specchio nelle opere che ne ripetono il segno.

Del termine scelto – scrive Domenico Iaracà – viene utilizzata non l’accezione del lessico archeologico con cui ci si riferisce ai mosaici ma ne viene ripresa l’etimologia di strati litici. Se nei mosaici le tessere sono utilizzate per raccontare vicende mitiche o per comporre decorazioni, nelle opere di Angela Palmarelli gli strati di pietra rievocano intere ere geologiche e gli orizzonti cronologici presi in esame sono quindi talmente ampi da ridimensionare l’antropocentrismo di cui siamo talvolta vittima. In un percorso di ricerca che prevede, tra l’altro, il ridimensionamento del ruolo e dell’importanza dell’Uomo, anche l’intervento dell’artista sui materiali si riduce alla manipolazione delle argille senza l’aggiunta di smalti. E le cromie delle opere esposte sono ottenute da ossidi naturali e semplici ripetizioni di segni incisi o estrusi che raccontano storie“.

Angela Palmarelli

Angela Palmarelli, laureata in scienze naturali, ottiene una borsa di studio come paleontologa all’Università La Sapienza di Roma. Sperimenta l’argilla nel laboratorio del padre e nel 1990 decide di approfondire la conoscenza di questa materia attraverso l’insegnamento di Pia Dornbos e Sandra Davolio, artista e insegnante alla Kunstoj di Holbaek. Da sempre interessata alla lettura di segni ancestrali materializzati in stratigrafie rocciose immaginarie, trova particolarmente rispondenti alla sua espressione artistica le tecniche di cottura in riduzione, che le consentono di realizzare nelle sue opere una perfetta fusione tra smalto e matrice. Dal 1990 al 1998 si dedica all’attività didattica e tiene seminari su La forma nella ceramica contemporanea presso lo studio Pandora di Sorano (GR) in Toscana e nel suo studio a Roma; espone in mostre personali e collettive tra le quali ceramica e scultura, Fortezza degli Orsini, Sorano nel 1997; Simbologie mediterranee, Fortezza da Basso di Firenze nel 1998; La terra e il mare, Museo di Sciacca nel 1999 e realizza con Pablo Ojeda l’installazione Movable altar for war and peace, Accademia Americana, Roma.

Nel 2000 collabora con gli artisti della galleria romana Il Punto di Svolta e con i musicisti di Musica Verticale (Reflexioni, interazione tra suono e forma. Molteplici virtuali XXV, Teatro Sala Uno, Roma); partecipa a Sculpture with plastic, College of Arts di Edimburgo e avvia uno scambio culturale con artisti scandinavi: Incontro, Trondheim, Norvegia. Dopo una pausa di alcuni anni riprende l’attività artistica con From pottery to plastic, Museo Archeologico di Tolfa (RM), Terre delle risonanze frammenti, Casina delle Civette, Roma e le personali La scrittura della terra, Palazzo Eustachi nel 2016 e Geoarcheografie, Museo Archeologico CAOS a Terni nel 2017. Nel 2018 partecipa al BACC (Biennale Arte Ceramica Contemporanea) a Roma, le viene assegnato il primo premio per le arti visive nella rassegna San Valentino Arte, Palazzo Primavera a Terni e nell’ottobre dello stesso anno partecipa alla rassegna di arte contemporanea Keramikos, Fondazione Carivit di Viterbo. In dicembre la sua personale Grafemi, Studio Storie Contemporanee di Roma e in febbraio personale Premio San Valentino, Terni.

Orari

30 marzo – 23 aprile: martedì-domenica 10.30-13.00 – 15.00-18.00
24 aprile – 12 maggio: lunedì-giovedì 10.30-13.00 – 15.30-21.00 / venerdì, sabato, domenica, festivi, prefestivi 10.30-13.00 – 15.30-23.00



tel: 3339144745

e-mail:

web:










Strutture Vicine

la-raffineria Image

[11 km] La Raffineria

Nato dalla tradizione gastronomica della Famiglia Alpini, questo nuovo locale è un compromesso fra modernità e tradizione, uno spazio polivalente difficile da collocare sotto una specifica categoria

yokel Image

[12 km] Yokel

Yokel è una hamburgeria nel cuore della città di Terni ma ha un sapore internazionale per quel che riguarda il modo di concepire il cibo!

pub-al-55 Image

[19 km] Pub al 55

Nel caratteristico borgo di Acquasparta, proprio al numero 55 di via Colonna, c’è un locale accogliente, familiare e con ottima birra!



Da vedere

orte-sotterranea Image

[12 km] Orte Sotterranea

Orte Sotterranea è un percorso nei secoli dall’epoca etrusca ai giorni nostri, tra cunicoli di acquedotto, cisterne, colombaie, cantine e pozzi di neve. La gestione di apertura e visite è a cura dell’associazione Veramente Orte.

museo-archeologico-dell-agro-falisco-civita-castellana Image

[27 km] Museo Archeologico dell'Agro Falisco

Il Museo Archeologico dell’Agro Falisco ha sede nello splendido Forte Sangallo di Civita Castellana, costruito alla fine del XV secolo da Antonio da Sangallo il Vecchio, sullo sperone occidentale del pianoro civitonico, per volontà di papa Alessandro VI Borgia. A pianta pentagonale, con cinque bastioni, di cui tre muniti di cannoniere, è circondato da un fossato artificiale, tranne che sul lato nord.

muvis-museo-del-vino-delle-scienze-agroalimentari Image

[29 km] MUVIS - Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari

Il MUVIS – Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari è inserito all’interno del vasto ed articolato complesso produttivo dei Conti Vaselli, situato nel cuore del borgo di Castiglione in Teverina, ovvero nella grande cantina distribuita su 6 piani (1° piano, piano terra e 4 piani sotterranei), non più in uso, che ha richiesto un esteso intervento di recupero edilizio.