Migranti. La sfida dell’incontro


data: Dal 30 dicembre al 14 gennaio

luogo: Via Del Seminario - Todi PG

orario: Dalle ore 11.00 alle 17.30

La Chiesa della Nunziatina di Todi ospita dal 30 dicembre al 14 gennaio, la mostra “Migranti. La sfida dell’incontro” organizzata dalla Caritas Diocesana di Orvieto-Todi e dall’Associazione Culturale Matavitatau, in collaborazione con il Rotary Club di Todi, la testata giornalistica Umbria e Cultura e il Centro Studi e Qualità dell’Accademia dei Georgofili.

In occasione della XXXVII edizione del Meeting per l’Amicizia tra i Popoli, la mostra espone immagini  e documenti relativi al fenomeno della migrazione e alle esperienze degli uomini e delle donne che affrontano viaggi e cambiamenti per muoversi verso l’Italia e l’Europa.

La mostra sarà anche il perno di una serie di eventi collaterali dal titolo “L’io rinasce in un incontro, aperitivo con…”: momenti di approfondimento e di concreta declinazione del tema della migrazione nella realtà del territorio, opportunità di racconto di alcune esperienze positive già in atto nel campo dell’accoglienza e di confronto sul tema attualissimo della migrazione.

La mostra, ad ingresso gratuito, potrà essere visitata tutti i giorni dalle ore 11 alle 17.30.

Sabato 13 gennaio si terranno due incontri con il dott. Ahmad Farhad Bitani, educatore e fondatore del Global Afghan Forum: quello del mattino (alle 9.30) sarà riservato agli studenti delle scuole superiori e si terrà presso l’Aula Magna del Liceo Jacopone da Todi; mentre alle ore 16.30 presso la sede della mostra si svolgerà l’appuntamento pubblico “Le forze che muovono la storia sono le stesse che muovono il cuore dell’uomo”.

Il programma degli incontri (previsti tutti per le ore 17,30):

Martedì 2 gennaio
“Vado scuola: esperienze di apprendimento di italiano L2” a cura dell’Associazione Culturale Matavitatau

Giovedì 4 gennaio
“Condividere i bisogni per condividere il senso della vita”  a cura del Banco di Solidarietà

Venerdì 5 gennaio
“Missione in Albania della Diocesi” a cura di Fondazione Migrantes

Martedì 9 gennaio
“Esperienze di accoglienza a Todi” a cura di Caritas Orvieto Todi

Mercoledì 10 gennaio
“L’olio come risultato di migrazioni millenarie fra continenti, religioni, civiltà” a cura dell’Accademia dei Georgofili e dell’Associazione Culturale Matavitatau

Giovedì 11 gennaio
“Fuocoammare” 2016, proiezione del film di Gianfranco Rosi, presso Sala del Trono del Palazzo Vescovile

Venerdì 12 gennaio
“La donna e l’Islam” a cura del Rotary Club di Todi

Sabato 13 gennaio
“Le forze che muovono la storia sono le stesse che muovono il cuore dell’uomo”
Con il dott. Ahmad Farhad Bitani, educatore e fondatore del Global Afghan Forum, figlio di un generale dei mujaheddin, uno degli uomini più fidati del presidente Karzai che porterà la sua testimonianza diretta.



tel:

e-mail: mostramigranti.todi.segreteria@gmail.com

web: www.caritasorvietotodi.it










Strutture Vicine

pub-al-55 Image

[15 km] Pub al 55

Nel caratteristico borgo di Acquasparta, proprio al numero 55 di via Colonna, c’è un locale accogliente, familiare e con ottima birra!

osteria-del-grillo Image

[24 km] Osteria del Grillo

L’ Osteria del Grillo, recentemente rinnovata nell’offerta enogastronomica e organizzativa, occupa storicamente a Orvieto una posizione di valore, grazie a un’ attività di ristorazione nata durante gli anni ’40.



Da vedere

muvis-museo-del-vino-delle-scienze-agroalimentari Image

[23 km] MUVIS - Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari

Il MUVIS – Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari è inserito all’interno del vasto ed articolato complesso produttivo dei Conti Vaselli, situato nel cuore del borgo di Castiglione in Teverina, ovvero nella grande cantina distribuita su 6 piani (1° piano, piano terra e 4 piani sotterranei), non più in uso, che ha richiesto un esteso intervento di recupero edilizio.

teatro-mancinelli-orvieto Image

[25 km] Teatro Mancinelli

Un percorso tra arte, storia e cultura alla scoperta dei segreti di un teatro ottocentesco. Il Teatro Mancinelli di Orvieto. Le porte del teatro sono aperte a tutti quei turisti e cittadini che, apprezzandolo come sede di programmazioni teatrali, sono desiderosi di conoscerne anche il profilo storico e artistico.

orvieto-underground Image

[25 km] Orvieto Underground

Un dedalo di grotte ipogee è nascosto nell’oscurità silenziosa della rupe di Orvieto. La particolare natura geologica del masso su cui sorge la città ha consentito agli abitanti, nel corso di tremila anni, di scavare un incredibile numero di cavità che si estendono, si accavallano, si intersecano al di sotto del tessuto urbano.