“Opere Spiritus”, mostra di scultura di Elisa Morucci


data: dall'1 al 16 settembre 2018

luogo: Chiesa di Santa Maria della Salute (Via della Pescheria), Viterbo

orario: martedì-domenica 10:00 – 13:00 / 16:00 – 19:00

ProgettArte3D in collaborazione con ArcheoTuscia presenta la mostra personale di scultura Opere Spiritus di Elisa Morucci che si terrà a Viterbo presso la Chiesa di Santa Maria della Salute (Via della Pescheria, di fronte alle Poste di Via Ascenzi) dal 2 al 16 settembre 2018, con inaugurazione l’1 settembre alle ore 18.30.

Nata a Firenze, Elisa Morucci svolge la sua attività artistica tra Firenze, Pietrasanta, Carrara e Greve in Chianti. Nel 1996 consegue il suo primo titolo di maestra d’arte. Studia storia dell’arte e filosofia all’Università di Firenze; dopo la laurea, si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Carrara. Dalla fine del 2016 si appoggia ad una fonderia professionale a Pietrasanta, per la realizzazione delle sue opere in bronzo. Dopo il suo esordio con una personale alla Fondazione di Scienza e Tecnica di Firenze svoltasi tra il febbraio e il marzo 2018, l’artista è stata invitata a partecipare a numerosi eventi, tra cui la collettiva/evento promossa dalla Nobile Contrada del Nicchio e l’Antica Arte dei Vasai a Siena e la prima Biennale d’Arte di Pistoia. Nel luglio 2017, con uno dei suoi lavori dal titolo Anima Mundi, realizzato appositamente per il Musée d’Art et d’Archéologie di Antananarivo (capitale del Madagascar), ha ricevuto l’onore di essere accolta nella collezione permanente del museo. Un’altra copia di Anima Mundi è conservata nel Parco dell’Isalo sempre in Madagascar.

Come i maestri artigiani che sanno fare il mestiere, Elisa Morucci ha intrapreso un percorso formativo “sul campo”; da artista colta e consapevole, gli anni di pratica e la consapevolezza del valore simbolico dell’atto creativo, le hanno dato un imprinting che le impone di porre costante attenzione ad ogni fase del lavoro. Il suo lavoro è la summa di innumerevoli ispirazioni e stimoli visivi nonché iconografici. Nell’immaginario dell’artista, infatti, convivono referenti figurativi differenti che raccontano di radici profonde comuni. Gli studi storico/artistici, le ricerche antropologiche, le indagini personali nelle culture ancestrali ed il lavoro su se stessa, l’hanno portata alla semplice constatazione che “Il cielo è uno”, come ama ripetere. Ed è proprio questo un punto focale della sua opera capace di mostrare in modo sottile, lavorando su piani diversi e simboli dell’inconscio, come ogni essere umano sia, in fondo, unito l’uno all’altro ed insieme ad un Tutto fatto di “Leggi d’Oro” immutabili.

Lo opere presenti in mostra sono una selezione di bronzi realizzati nel 2017 in cui sono indagate le fasi del processo alchemico, analoghe a quelle del processo scultoreo. Le sue sculture prendono forma da una personale forza spirituale che sospinge l’artista verso il sacro, servendosi anche del mito, come ne L’Alchimia, figura femminile (con chiari riferimenti nei tratti somatici alle figure venerate nell’Antico Egitto) o ne Il Serpente Piumato che riprende il mito dell’antica Mesoamerica (Quetzalcoatl), in cui il labirinto, questo in particolare, presente in ogni luogo della Terra (ne sono stati trovati di identici in Italia, India, Egitto, America, Inghilterra), rappresenta il viaggio esistenziale.

Elisa Morucci appartiene ad un mondo atavico, intriso di primitivismo ancestrale, ma totalmente italiana è l’attenzione e il rispetto per l’anatomia formale che conosce e stravolge all’occorrenza per definire un concetto. Le consapevolezze fatte proprie nella ricerca e nella pratica spirituale, infondono grande suggestione al suo lavoro e regalano ad ogni singola opera un’aura di magia. Il particolare diventa un Tutto, macrocosmo e microcosmo si specchiano per “suggerire umilmente nuove/antiche strade all’anima in viaggio”.

L’opera al centro di questa sua personale è It’s long road to the top.., resina patinata a bronzo, 74x64x139 cm. È uno dei primi lavori della giovane artista, ancora mai presentato. La scultura prende il nome da un brano di hard rock australiano degli anni ’70 della band AC/DC, che l’ha accompagnata durante tutta la realizzazione dell’opera.. Già il titolo ci suggerisce il lungo e tortuoso percorso che l’artista ha deciso di affrontare per elevarsi, attraverso la sua arte, e raggiungere così luoghi più elevati che possano soddisfare il suo bisogno di conoscenza. A differenza di tutti gli altri lavori, pregni di simboli antichi ed archetipici, questa che è in sostanza una auto-rappresentazione dell’artista, descrive attraverso la contorsione del corpo il dolore, la sofferenza, il sacrificio, ma anche la gioia, il duro percorso da affrontare per ritrovare la propria natura divina. La forza espressiva è dirompente in particolar modo nelle torsioni muscolari. Tangibili i riferimenti classici nell’espressione grave del volto di forte ispirazione michelangiolesca. Tanta è chiaramente la devozione verso i propri “maestri”, respirati in ambito fiorentino durante l’infanzia e presi a modello assoluto a livello inconscio; in particolare Donatello e l’amato Michelangelo.

Dice la Morucci: “Ciò che amo in assoluto sopra ad ogni cosa in Donatello è la libertà straordinaria e la spregiudicatezza, fondate però e profondamente radicate, sulla sua sempre imprescindibile e superba ispirazione classica”. Questo lavoro mette in evidenza una capacità narrativa rara nel figurativo di oggi, la figura della Morucci, seppur ancorata a saldi riferimenti formali, ci lascia intravedere oltre i confini della realtà come la conosciamo. “L’artista –  dice – non raffigura più nulla, ma attraverso la propria conoscenza sperimentale sui sensi e
l’indagine dentro se stesso, da vita a dei mondi e si fa messaggero di “possibilità”, ché viviamo in un universo negli universi e dobbiamo essere in grado di conoscere le potenzialità della propria natura profonda”.

Inaugurazione: 1 settembre 2018, ore 18.30. Orari: da martedì a domenica 10:00 – 13:00 / 16:00 – 19:00.



tel:

e-mail:

web: http://progettarte3d.weebly.com/










Strutture Vicine

due-righe-book-bar Image

[0 km] Due Righe Book Bar

Situato nello storico quartiere di San Pellegrino, cuore medievale di Viterbo,  il Due Righe Book Bar è il luogo di incontro privilegiato per studenti, musicisti e artisti.

ristorante-il-molino Image

[0 km] Ristorante Il Molino

Nel centro storico di Viterbo, ai piedi del Palazzo Papale e a pochi passi dal celebre quartiere medioevale, Il Molino ti offre una vasta gamma di antipasti di terra della cucina tradizionale: bruschette, mix di affettati e formaggi, fritti misti e un’ottima mozzarella di bufala.

blitz-caffe Image

[0 km] Blitz Caffè

Blitz Caffè è una nuova idea di bar: birreria, tavola calda e fredda, cocktail bar e wine bar, il tutto racchiuso in unico contenitore in grado di soddisfare i gusti della propria clientela, dalla colazione mattutina fino a notte inoltrata.



Da vedere

museo-del-sodalizio-facchini-santa-rosa-viterbo Image

[0 km] Museo del Sodalizio Facchini di Santa Rosa

Il Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa è stato istituito a Viterbo nel 1994. È ospitato presso la sede del Sodalizio in un edificio medievale al centro del caratteristico quartiere San Pellegrino.

viterbo-sotterranea Image

[0 km] Viterbo Sotterranea

Viterbo Sotterranea è composta da un reticolo di gallerie che si estendono sotto il centro storico e conducono fin oltre la cinta muraria. Per ora l’unico tratto percorribile si snoda per circa 250 metri disposti su due livelli sotto Piazza della Morte, rispettivamente a 3 e 10 metri di profondità.

polo-monumentale-colle-del-duomo-viterbo Image

[0 km] Polo Monumentale Colle del Duomo

Il Polo Monumentale Colle del Duomo, situato sull’omonima altura nel centro storico di Viterbo dove si sviluppò il nucleo più antico della città, comprende il Palazzo dei Papi, la Cattedrale di San Lorenzo e il Museo Colle del Duomo gestito da Archeoares.