orvieto in fiore

“Orvieto in fiore”, la città di riempie di colori e di profumi


data: dal 7 al 9 giugno 2019

luogo: Orvieto Tr

orario:

La città si riempie di colori e di profumi per Orvieto in fiore. Tornano anche nell’edizione 2019, che si terrà dal 7 al 9 giugno, due delle iniziative collaterali più importanti e coinvolgenti del ricco programma della manifestazione.

Si tratta del concorso Balconi e vetrine in fiore con i colori dei quartieri e de L’Aperitivo Floreale Street Food che quest’anno si arricchisce con la intrigante novità dell’aperitivo archeologico medievale.

Il concorso Balconi e vetrine in fiore con i colori dei quartieri, nato nel 2013 con la nascita di Orvieto in fiore, è curato da due anni a questa parte dalla Fidapa BPW Italy guidata dalla presidente Alda Coppola. Cittadini e commercianti sono invitati a vestire a festa la città con i colori e i simboli dei quartieri per arricchire ancor di più la scenografia medievale nella quale si cala Orvieto a partire dal weekend di Pentecoste, con la Festa della Palombella, e fino alle celebrazioni del Corpus Domini. Per partecipare al concorso è necessario recarsi presso l’Ufficio informazioni turistiche di Piazza Duomo entro mercoledì 5 giugno 2019. L’addobbo potrà essere fatto con bandiere, stendardi e qualsiasi tipo di piante e fiori con i colori del quartiere di appartenenza. Nella giornata del 7 giugno una commissione girerà per le vie della città per valutare il lavoro dei partecipanti. La premiazione si terrà sabato 8 giugno alle 19.30 in Piazzetta Simoncelli.

L’Aperitivo Floreale Street Food, organizzato dal Comitato Cittadino dei Quartieri, è invece giunto alla quarta edizione e vuole stimolare la fantasia e la creatività di bar e locali della città chiamati ad allestire aperitivi e cocktail ispirati al tema di Orvieto in fiore. “I fiori eduli spesso costituiscono un elemento decorativo in piatti raffinati – dicono gli organizzatori – ma stavolta abbiamo optato per una versione street food e molto pop. La sfida è scoprire quali fiori o frutta presenti in natura possono essere trasformate in frittelle, torte, sciroppi, marmellate, torte salate, macedonie, bevande aromatizzate o infusi per dar vita ad aperitivi e street food gustosi e profumati”. Per partecipare occorre scrivere alla mail sotto indicata o telefonare ad Annarita Tempesta al numero 328.2929524. Nella giornata del 7 giugno una giuria esaminatrice, composta da Elvia Gregorace, Maria Rosa Borsetti, Candida Cadè, Cristiana Curri, un rappresentante del Comune di Orvieto e da due membri del Comitato dei quartieri, valuterà gli aperitivi giudicando la creatività, l’allestimento scenografico e l’originalità delle ricette.

Il giro della commissione terminerà al Pozzo della Cava, nel quartiere medievale, dove sarà presentata una delle novità dell’edizione 2019 di Orvieto in fiore: l’aperitivo medievale archeologico. Dopo una suggestiva visita guidata tra le grotte sarà servito questo antico aperitivo le cui ricette sono state studiate da un archeologo direttamente da manoscritti del XII e XIII secolo e rese appetitose da uno chef. Si tratta di quattro piatti tra i più in voga nelle corti medioevali che saranno accompagnati dall’ippocrasso, o vino ippocratico, un vino speziato e addolcito preparato secondo una ricetta di origine medioevale, molto piacevole da bere ben fresco. L’idea prende spunto dal fatto storico sul quale si basa “Orvieto in fiore” e vuole rievocare il brindisi delle “nozze monaldesche” tra Giovanna del ramo “muffato” della Cervara e Pietro Antonio del ramo “melcorino” della Vipera che nel 1464 sugellarono definitivamente la pace nella città dopo oltre un secolo di scontri sanguinosi tra i discendenti dello stesso casato e i loro alleati.

Programma Orvieto in fiore

Mercoledì 5 giugno – Anteprima
Ore 16.30 – Libreria Valente (Corso Cavour, 159), corte interna – Sorella Terra. Natura e clima, letture a gran voce

Venerdì 7 giugno
Ore 10.00 – Concorsi L’Aperitivo Floreale Street Food in collaborazione con Wedding Planner di Maria Rosa Borsetti e Balconi e vetrine in fiore con i colori dei quartieri a cura di Fidapa BPW Italy.
Ore 17.00 – Sala Consiliare – Presentazione dei bozzetti elaborati dagli studenti (2A- 2B- 3C) del Liceo Artistico di Orvieto sul tema Custodi non tiranni, per un nuovo rapporto tra persona e creato (Laudato sì, Papa Bergoglio), selezionati da Benedetto Tuzia, Vescovo di Orvieto-Todi, e premiazione del migliore.
Ore 19.30 – Pozzo della Cava (Via della Cava 28) – Aperitivo floreale archeologico medievale, visita fiorita ai sotterranei del Pozzo della Cava sul tema dei Beffati e dei Malcorini, con brindisi finale ispirato ad un grande evento di 555 anni fa, a base di ippocrasso e piccoli assaggi di pietanze tardomedievali. Conclusione del concorso L’Aperitivo Floreale Street Food.
Ore 21.00 – Piazza S.Andrea – Vocal Academy of Orvieto in collaborazione con Opera Argentario della Maremma presenta un concerto di arie liriche e scenette dal repertorio internazionale. Clara Salomon (creative director e manager), Ugo Vera (artist director), Raffaele Cirpiano (orchestra-music director). Musiche di Puccini, Verdi, Mozart, Weber, Bernstein, Bizet, Bellini, Beethoven, Rossini, Cilea, Leoncavallo, Sondheim, Wolf e altri.
Ore 18.00-23.00 – Cantine Sonore, musica e vino nel quartiere medioevale a cura di Radio Orvieto Web.

Sabato 8 giugno

Ore 10.00 – Piazza S. Giuseppe – Apertura stand Merletto di Orvieto, fiore di un’ arte tutta al femminile, espone Loretta Lovisa.
Ore 10.00 – Piazza S. Andrea – Mercato florovivaistico e artigianale
Ore 10.00 – Palazzo dei Sette – Mercato dei piccoli produttori del territorio a cura della Condotta Slow Food di Orvieto.
Api sui fiori di Orvieto… in fiore, esposizione dei lavori e dei prodotti dei ragazzi delle scuole di infanzia di Porano e Montecchio, le scuole primarie di Orvieto Centro e Sferracavallo, dell’istituto Professionale Agrario di Fabro e delle associazioni Andromeda e Albero delle Voci.
Ore 10.30 – Sala multimediale Digipass – Proiezione del film Un mondo in pericolo di Markus Imhoof. Introduzione e discussione a cura della Scuola di Apicoltura dell’Etruria
Ore 16:00-19:00 – Palazzo dei Sette – Laboratorio del gusto e degustazione di miele e formaggi in compagnia dei produttori e dei formatori Slow Food;
Ore 17.30 – Caffè Montanucci – Le rose di Reno, parole e musica ricordando Reno Montanucci.
Ore 18,30 – Piazza Cahen – Taglio del nastro, al suono della Filarmonica Luigi Mancinelli partenza per il percorso delle infiorate che si snoderà lungo le vie cittadine. La giuria composta da esperti infioratori visiterà le dieci infiorate. Il vincitore sarà proclamato domenica in piazza del Popolo in occasione del Palio della Palombella.
Ore 19.30 – Termine del percorso a piazzetta Simoncelli: premiazione dei vari concorsi e rinfresco.
Ore 21.30 – Piazza Duomo – Spettacolo della scuola di danza Scarpette Rosse, coreografia Loredana Materazzo Musiche, colori e parole del Mediterraneo
Ore 18.00-00.30 – Cantine Sonore, musica e vino nel quartiere medioevale a cura di Radio Orvieto Web.
Ore 22.00 – Notte Bianca a Pistrella

Domenica 9 giugno
Ore 10:00/19:00 – Palazzo dei Sette – Mercato dei produttori del territorio
Ore 11:00 – 13:00 – Palazzo dei Sette – Laboratorio del miele in cucina in compagnia dei produttori e dei formatori Slow Food
Ore 12.00 – Piazza del Duomo – Discesa della Palombella e benedizione del Palio
Ore 17.30 – Piazza Cahen- Uscita del corteo dei figuranti, Le Cornamuse del Drago, giudice e damigelle che portano il palio e la voliera con la bianca Colomba, nobili e rappresentanze dei Quartieri, ballerine e musici del gruppo Dancamus, corteo dei Popolani, popolani di Matilde di Montefiascone, Balestrieri, gruppo Sbandieratori e musici dei Quartieri di Orvieto.
Ore 18.30 – Piazza del Popolo – Torneo dei Balestrieri e spettacolo medievale con premiazione delle infiorate e assegnazione del paliotto e del Palio.

aperitivo floreale orvieto in fiore



tel:

e-mail: orvietodeiquartieri@gmail.com

web: www.orvietodeiquartieri.it










Strutture Vicine

osteria-del-grillo Image

[1 km] Osteria del Grillo

L’ Osteria del Grillo, recentemente rinnovata nell’offerta enogastronomica e organizzativa, occupa storicamente a Orvieto una posizione di valore, grazie a un’ attività di ristorazione nata durante gli anni ’40.



Da vedere

teatro-mancinelli-orvieto Image

[0 km] Teatro Mancinelli

Un percorso tra arte, storia e cultura alla scoperta dei segreti di un teatro ottocentesco. Il Teatro Mancinelli di Orvieto. Le porte del teatro sono aperte a tutti quei turisti e cittadini che, apprezzandolo come sede di programmazioni teatrali, sono desiderosi di conoscerne anche il profilo storico e artistico.

orvieto-underground Image

[0 km] Orvieto Underground

Un dedalo di grotte ipogee è nascosto nell’oscurità silenziosa della rupe di Orvieto. La particolare natura geologica del masso su cui sorge la città ha consentito agli abitanti, nel corso di tremila anni, di scavare un incredibile numero di cavità che si estendono, si accavallano, si intersecano al di sotto del tessuto urbano.

pozzo-della-cava-orvieto Image

[1 km] Pozzo della Cava

ll complesso ipogeo del Pozzo della Cava di Orvieto è stato riportato alle luce tra il 1984 e il 2003 e reso fruibile soltanto con l’impegno della famiglia che ne è proprietaria, senza alcun contributo pubblico.