Tre palazzi storici di Viterbo aperti per le Giornate FAI di Primavera


data: 23 e 24 marzo 2019

luogo: Centro storico, Viterbo e borgo medioevale di Bagnaia, Viterbo

orario: 10.00-17.00

Sabato 23 e domenica 24 marzo 2019 ventisettesima edizione per le Giornate FAI di Primavera, l’evento nazionale del Fondo Ambiente Italiano in cui sono aperti al pubblico oltre 1100 siti di interesse storico, artistico, archeologico, culturale, naturalistico in 430 località del Bel Paese. 

A Viterbo, la locale Delegazione FAI insieme al Gruppo FAI Giovani ha predisposto l’itinerario di visita Viterbo, i palazzi del potere, in cui saranno accessibili ai visitatori Palazzo dei Priori (sede del Comune di Viterbo), Palazzo di Vico (in Via Sant’Antonio) e Palazzo Gallo (nella frazione di Bagnaia).

I luoghi saranno aperti dalle ore 10.00 alle 17.00 in entrambe le giornate, con ultimo ingresso alle 16.30. In caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell’orario di chiusura indicato. Le visite sono a contributo libero. Il contributo minimo suggerito è di 3 euro.

Le Giornate FAI di Primavera a Viterbo hanno il patrocinio e il sostegno della Regione Lazio e il patrocinio del Comune di Viterbo. Hanno collaborato per le visite guidate (disponibili anche in lingua inglese) l’Università degli Studi della Tuscia – dipartimenti DIBAF e DISUCOM e l’associazione Amici di Bagnaia “Arte e Storia”.

Palazzo dei Priori

palazzo dei priori sala regia viterbo

Il Palazzo dei Priori, con i suoi tre livelli fuori terra e il suo pregevole porticato in Piazza del Plebiscito, fu realizzato sotto il pontificato di Sisto IV della Rovere (1471-1484). Presenta un’impostazione che è frutto degli interventi costruttivi succedutisi nel tempo, a partire dal 1264 fino al XVII secolo, quando fu sistemato il cortile interno su cui si affaccia il loggiato del piano nobile e dove spicca la fontana in peperino del 1624, il cui disegno è attribuito all’artista viterbese Filippo Caparozzi. Sin dalle sue origini, il palazzo ha assolto alla funzione di sede di governo cittadino; al suo interno presenta una decorazione pittorica datata dalla fine del XVI secolo, che caratterizza gli ambienti dove venivano espletate le funzioni di governo: la Sala Regia, con scene mitologiche ed episodi della storia viterbese; la Sala della Madonna, con rimandi al Santuario della Madonna della Quercia, la Cappella del Comune; la Sala del Consiglio; la Sala dell’Aurora e la Sala dei Paesaggi.

Palazzo di Vico

viterbo palazzo di vico

Giovanni di Vico vi dimorò fino al 1366 – data certa della morte, mentre nulla si sa di preciso della data di nascita: ghibellino, prefetto di Roma, signore di Viterbo, Civitavecchia, Orvieto, Terni, Narni e Tuscania. Di lui si conoscono i continui contrasti con la Chiesa, seguiti da altrettanto frequenti riappacificazioni salvo poi tornare subito dopo alle armi. Palazzo di Vico sorge in un punto nevralgico della Viterbo medievale: la Piazza Nuova (originariamente Platea Nova), vera e propria cerniera tra il centro del potere civile di Viterbo – Piazza del Gesù, prima sede del Comune – e quello del potere religioso – Colle del Duomo, con la Cattedrale e il complesso del Palazzo Papale. Distrutto nel 1243 insieme alla fontana, nel corso di uno dei numerosi conflitti che opponevano le fazioni cittadine, il palazzo sarebbe stato ricostruito pochi anni dopo. I sotterranei furono utilizzati come rifugio antiaereo durante la seconda guerra mondiale.

Palazzo Gallo

palazzo gallo bagnaia viterbo

Palazzo Gallo, situato nel borgo medioevale di Bagnaia frazione di Viterbo, venne edificato intorno al 1520 dalla famiglia romana omonima, il cui esponente di spicco è rappresentato da Giuliano Gallo, canonico della Chiesa di San Lorenzo in Damaso ed amministratore dei beni in Bagnaia per conto di Raffaele Riario, cardinale di San Giorgio e signore di Bagnaia dal 1498, e dei suoi successori. La struttura del palazzo si esprime in volumetrie essenziali: l’aggetto dei due avancorpi, la rientranza della facciata nobilitata dallo slancio delle due colonne ioniche e delle quattro lesene che sostanziano una deliziosa loggia architravata dal soffitto ligneo a lacunari. Il Palazzo in origine era un complesso di oltre venti ambienti dei quali sono rimasti solo due grandi saloni e due sale minori. In una stanza del lato corto gli affreschi presentano una Crocefissione databile al XVI secolo ed una immagine dell’Assunzione della Madonna. Sulle pareti corre un fregio ed il soffitto ligneo è decorato con le insegne delle famiglie Riario e Gallo.



tel:

e-mail:

web: www.giornatefai.it










Strutture Vicine

due-righe-book-bar Image

[0 km] Due Righe Book Bar

Situato nello storico quartiere di San Pellegrino, cuore medievale di Viterbo,  il Due Righe Book Bar è il luogo di incontro privilegiato per studenti, musicisti e artisti.

ristorante-il-molino Image

[0 km] Ristorante Il Molino

Nel centro storico di Viterbo, ai piedi del Palazzo Papale e a pochi passi dal celebre quartiere medioevale, Il Molino ti offre una vasta gamma di antipasti di terra della cucina tradizionale: bruschette, mix di affettati e formaggi, fritti misti e un’ottima mozzarella di bufala.

blitz-caffe Image

[0 km] Blitz Caffè

Blitz Caffè è una nuova idea di bar: birreria, tavola calda e fredda, cocktail bar e wine bar; il tutto racchiuso in unico contenitore in grado di soddisfare i gusti della propria clientela, dalla colazione mattutina fino a notte inoltrata.



Da vedere

museo-del-sodalizio-facchini-santa-rosa-viterbo Image

[0 km] Museo del Sodalizio Facchini di Santa Rosa

Il Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa è stato istituito a Viterbo nel 1994. È ospitato presso la sede del Sodalizio in un edificio medievale al centro del caratteristico quartiere San Pellegrino.

viterbo-sotterranea Image

[0 km] Viterbo Sotterranea

Viterbo Sotterranea è composta da un reticolo di gallerie che si estendono sotto il centro storico e conducono fin oltre la cinta muraria. Per ora l’unico tratto percorribile si snoda per circa 250 metri disposti su due livelli sotto Piazza della Morte, rispettivamente a 3 e 10 metri di profondità.

polo-monumentale-colle-del-duomo-viterbo Image

[0 km] Polo Monumentale Colle del Duomo

Il Polo Monumentale Colle del Duomo, situato sull’omonima altura nel centro storico di Viterbo dove si sviluppò il nucleo più antico della città, comprende il Palazzo dei Papi, la Cattedrale di San Lorenzo e il Museo Colle del Duomo gestito da Archeoares.