teatro boni acquapendente

Presentazione Stagione Teatro Boni


data: 15 ottobre 2017

luogo: Teatro Boni (Piazza della Costituente 9), Acquapendente Vt

orario: 17.30

Il Teatro Boni di Acquapendente presenta la stagione 2017-18 diretta da Sandro Nardi e, come già avvenuto con successo negli ultimi due anni, lo fa con una presentazione ufficiale che è un vero e proprio evento.

Domenica 15 ottobre alle 17.30 (ingresso libero) il nuovo cartellone sarà presentato in teatro, con la partecipazione di alcuni degli attori che calcheranno il palco aquesiano durante la stagione e con l’esibizione di artisti e musicisti vari. Condurrà la serata l’attrice Tiziana Foschi.

Tra gli ospiti che interverranno alla presentazione Debora Caprioglio (LEGGI QUI l’intervista realizzata da Move Magazine), Gianna Paola Scaffidi, Cloris Brosca e tanti altri, con esibizioni e sorprese.

Sono 22 gli spettacoli in calendario al Teatro Boni fino a marzo 2018, tra prosa, musica, danza e comicità. Tra i nomi di rilievo Simone Cristicchi, Greta Panettieri, Gabriele Cirilli, Paola Tiziana Cruciani, Donati & Olesen, Anna Mazzamauro, Miriam Mesturino, Maddalena Rizzi, Serra Yilmaz. Come sempre non mancheranno gli spettacoli dedicati ad alcune ricorrenze particolari: la Giornata mondiale contro il femminicidio (26 novembre), la notte di San Silvestro, la Giornata della Memoria, il Carnevale con il ballo in maschera, “M’illumino di meno” e la Giornata Internazionale della Donna.

Il teatro non è moribondo e non morirà mai – commenta il direttore artistico Sandro Nardi – nonostante i continui tagli a cui è sottoposto dalla politica. Però possiamo affermare che il Teatro Boni è un’isola felice: in questi ultimi anni è diventato un crocevia culturale importante, con scambi, collaborazioni e nuove sinergie per promuovere e stimolare culturalmente l’alta Tuscia. Un luogo dove lo spettacolo dal vivo ha trovato la sua dimora ideale grazie anche al supporto dei media, del sostegno attivo dell’amministrazione comunale di Acquapendente, della collaborazione con il Teatro Tor Bella Monaca di Roma e della fidelizzazione del nostro pubblico che è arrivato a contare 500 azionisti. Tutto questo dimostra un’attenzione partecipata e attiva verso ciò che facciamo. Un sentito grazie anche all’associazione Te.Bo. e a tutti i volontari“.

Nardi getta poi uno sguardo sul cartellone: “Un programma variegato – continua – per generi, stili e tematiche, una serie di eventi innovativi e bizzarri, perché vogliamo essere un teatro che scommette e propone per stupire ed incuriosire. Il Teatro Boni propone lo spettacolo dal vivo per la gente che si vuole divertire, ma sempre con una spiccata e apprezzata intelligenza e profondità. Ci piace pensare di vivere su un’isola felice dove metterci in salvo. In un periodo di stragi e di catastrofi naturali, che spesso nascono entrambe dalla stupidità umana, siamo pienamente convinti che la cultura sia l’unica arma per riuscire a distruggere e abbattere l’ignoranza attiva“.

 

 

 

 

 

 



tel: 3341615504

e-mail: info@teatroboni.it

web: www.teatroboni.it










Strutture Vicine

osteria-del-grillo Image

[21 km] Osteria del Grillo

L’ Osteria del Grillo, recentemente rinnovata nell’offerta enogastronomica e organizzativa, occupa storicamente a Orvieto una posizione di valore, grazie a un’ attività di ristorazione nata durante gli anni ’40.



Da vedere

pozzo-della-cava-orvieto Image

[20 km] Pozzo della Cava

ll complesso ipogeo del Pozzo della Cava di Orvieto è stato riportato alle luce tra il 1984 e il 2003 e reso fruibile soltanto con l’impegno della famiglia che ne è proprietaria, senza alcun contributo pubblico.

teatro-mancinelli-orvieto Image

[20 km] Teatro Mancinelli

Un percorso tra arte, storia e cultura alla scoperta dei segreti di un teatro ottocentesco. Il Teatro Mancinelli di Orvieto. Le porte del teatro sono aperte a tutti quei turisti e cittadini che, apprezzandolo come sede di programmazioni teatrali, sono desiderosi di conoscerne anche il profilo storico e artistico.

orvieto-underground Image

[20 km] Orvieto Underground

Un dedalo di grotte ipogee è nascosto nell’oscurità silenziosa della rupe di Orvieto. La particolare natura geologica del masso su cui sorge la città ha consentito agli abitanti, nel corso di tremila anni, di scavare un incredibile numero di cavità che si estendono, si accavallano, si intersecano al di sotto del tessuto urbano.