“Reginald Pole, tra Michelangelo e Shakespeare”, mostra a Bagnoregio


data: dal 7 dicembre 2018 al 31 gennaio 2019

luogo: Palazzo Petrangeli (Via Roma 28), Bagnoregio Vt

orario: 10.00-18.00

Dal 7 dicembre 2018 a Bagnoregio una mostra, curata da Enzo Bentivoglio e Gian Maria Cervo, recupera una delle più importanti figure del Rinascimento. Reginald Pole, tra Michelangelo e Shakespeare riscopre la Tuscia come centro nevralgico di elaborazione intellettuale nell’Europa del ‘500, e mostra le influenze di una figura e un movimento su pittura italiana e teatro elisabettiano.

L’evento riporta alla memoria collettiva l’esperienza degli Spirituali e permette l’esplorazione sia di un’Italia poco conosciuta al grande pubblico, tra Riforma e Controriforma, sia delle reciproche influenze tra Italia e Inghilterra in un periodo straordinariamente ricco di impulsi e complesso. In mostra opere di Tiziano, Marcello Venusti, Pier Leone Ghezzi da Daniele da Volterra, Giovanni da Cavino degli accademici di San Luca del XVII secolo e preziosi libri e documenti provenienti dal Venerable English College e da varie collezioni private.

Di particolare interesse il San Girolamo dipinto proveniente dall’Accademia di San Luca restaurato in occasione della mostra, che ha definitivamente rivelato l’intervento di Tiziano Vecellio. Come afferma lo storico dell’arte Fabrizio Biferali “sottoposto nell’autunno del 2018 a un accurato restauro, il San Girolamo penitente dell’Accademia Nazionale di San Luca è ritornato alla sua originaria brillantezza cromatica, presentando una tavolozza ricca nonché efficaci effetti chiaroscurali tipici della produzione tizianesca alla metà del Cinquecento. L’immagine è sovrapponibile iconograficamente alla grande pala d’altare su tavola con San Girolamo penitente, oggi alla Pinacoteca di Brera a Milano, dipinta da Tiziano tra il 1556 e il 1561. Il più piccolo dipinto dell’Accademia di San Luca (cm 107,5 x 76,5), caratterizzato da una qualità complessiva molto alta, mostra tutte le caratteristiche formali e tecniche delle opere uscite dalla bottega del sommo maestro cadorino, che dovette con ogni probabilità supervisionarne l’esecuzione e fornire egli stesso un decisivo contributo autografo.”

La scelta di Bagnoregio – la mostra si svolge a Palazzo Petrangeli – nasce dal fatto che la cittadina della Tuscia fu l’ultimo “avamposto” di Pole in Italia, che rimase governatore di Bagnoregio, anche dopo il ritorno in Inghilterra e fino al giorno della sua morte.

La mostra è realizzata nel quadro del progetto EU Collective Plays! co-finanziato dal Programma Creative Europe dell’Unione Europea ed è parte dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018. In collaborazione con Comune di Bagnoregio, Accademia Nazionale di San Luca, Venerable English College, Ce.Di.Do Viterbo, Associazione Egidio 17, Museo Colle del Duomo di Viterbo, Associazione RinascimentiAmo – Un futuro per il passato, Civita Cinema.

Dopo l’inaugurazione che si svolgerà il 7 dicembre alle ore 18.30 la mostra resterà aperta tutti i giorni fino al 31 gennaio 2019 osservando l’orario continuato 10.00- 18.00.



tel:

e-mail:

web: www.quartieridellarte.it










Strutture Vicine

osteria-del-grillo Image

[11 km] Osteria del Grillo

L’ Osteria del Grillo, recentemente rinnovata nell’offerta enogastronomica e organizzativa, occupa storicamente a Orvieto una posizione di valore, grazie a un’ attività di ristorazione nata durante gli anni ’40.

ristorante-biccaba Image

[21 km] Ristorante Biccabà

Locale dal design impeccabile, essenziale e moderno, situato nel Centro Commerciale CineTuscia Village di Vitorchiano.

trattoria-la-quercia-matta Image

[21 km] Trattoria La Quercia Matta

Un’atmosfera calda e accogliente resa ancor più suggestiva dalla quercia ultracentenaria che si erge al centro del giardino.



Da vedere

muvis-museo-del-vino-delle-scienze-agroalimentari Image

[9 km] MUVIS - Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari

Il MUVIS – Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari è inserito all’interno del vasto ed articolato complesso produttivo dei Conti Vaselli, situato nel cuore del borgo di Castiglione in Teverina, ovvero nella grande cantina distribuita su 6 piani (1° piano, piano terra e 4 piani sotterranei), non più in uso, che ha richiesto un esteso intervento di recupero edilizio.

pozzo-della-cava-orvieto Image

[10 km] Pozzo della Cava

l complesso ipogeo del Pozzo della Cava di Orvieto è stato riportato alle luce tra il 1984 e il 2003 e reso fruibile soltanto con l’impegno della famiglia che ne è proprietaria, senza alcun contributo pubblico.

teatro-mancinelli-orvieto Image

[10 km] Teatro Mancinelli

Un percorso tra arte, storia e cultura alla scoperta dei segreti di un teatro ottocentesco. Il Teatro Mancinelli di Orvieto. Le porte del teatro sono aperte a tutti quei turisti e cittadini che, apprezzandolo come sede di programmazioni teatrali, sono desiderosi di conoscerne anche il profilo storico e artistico.