torre di chia

La Torre di Chia, dove visse Pasolini, aperta al pubblico il 19 maggio


data: 19 maggio 2019

luogo: Torre di Chia (SP Ortana km 15), Soriano nel Cimino Vt

orario: 10.30 e 14.30

Una “casa di luce”. Questo voleva realizzare Pier Paolo Pasolini quando nel 1970 acquistò i ruderi del castello di Colle Casale adiacenti la Torre di Chia, nel territorio comunale di Soriano nel Cimino, in provincia di Viterbo.

E questo fece, disegnando lui stesso l’abitazione addossata al murale rimasto, due ali affiancate alla torre mozza del  castelletto scandite da pareti di legno e ampie vetrate, aiutato da un  giovanissimo Dante Ferretti. Un capolavoro di integrazione nel  paesaggio, una casa di pietra e vetro mimetizzata fra le rocce e il  verde della natura circostante in cui Pier Paolo Pasolini visse spesso negli ultimi anni della sua vita. Qui lavorò al romanzo rimasto  incompiuto, Petrolio (Einaudi, 1992) e a molte delle sue Lettere luterane.

Si innamorò del luogo nella primavera del 1964 girando le prime sequenze  del film Il Vangelo secondo Matteo. Per le scene del battesimo di Gesù,  infatti, scelse il torrente Castello che scorre sotto la Torre di Chia.

Da febbraio 2019, grazie a un accordo tra i proprietari e la cooperativa  sociale Il Camaleonte, la Torre di Chia e il castello-abitazione di Pasolini sono aperti al pubblico una volta al mese. I visitatori sono accompagnati dagli operatori che raccontano il luogo  sotto molteplici aspetti.

La prossima apertura sarà domenica 19 maggio 2019 con due gruppi orari (10:30  e 14:30). La prenotazione è obbligatoria poiché è stato stabilito un  limite massimo di ingressi. Per maggiori informazioni è necessario rivolgersi alla cooperativa Il Camaleonte di Soriano nel Cimino tramite i contatti sotto indicati.

 

Foto di Fabio Mellini



tel: 3498774548

e-mail: info@ilcamaleonte.it

web: www.ilcamaleonte-tuscia.com 










Strutture Vicine

trattoria-la-quercia-matta Image

[4 km] Trattoria La Quercia Matta

Un’atmosfera calda e accogliente resa ancor più suggestiva dalla quercia ultracentenaria che si erge al centro del giardino.

ristorante-biccaba Image

[8 km] Ristorante Biccabà

Locale dal design impeccabile, essenziale e moderno, situato nel Centro Commerciale CineTuscia Village di Vitorchiano.

totos-pub Image

[13 km] Toto's Pub

Il Toto’s Pub nasce nel 1989 con l’obiettivo di soddisfare le esigenze di tutti coloro che, dopo una giornata di lavoro, desiderano uscire per trovarsi in un ambiente accogliente e familiarizzante, bere e mangiare bene, incontrare volti nuovi.



Da vedere

orte-sotterranea Image

[10 km] Orte Sotterranea

Orte Sotterranea è un percorso nei secoli dall’epoca etrusca ai giorni nostri, tra cunicoli di acquedotto, cisterne, colombaie, cantine e pozzi di neve. La gestione di apertura e visite è a cura dell’associazione Veramente Orte.

basilica-san-francesco-alla-rocca Image

[14 km] Basilica di San Francesco alla Rocca

La Basilica di San Francesco alla Rocca è una delle più importanti chiese di Viterbo, all’interno del quale si trovano i sepolcri di due papi, Clemente IV e Adriano V. Proprietà del Ministero dei Beni e Attività Culturali e Turismo, dal dicembre 2014 è gestita dal Polo Museale del Lazio.

museo-del-sodalizio-facchini-santa-rosa-viterbo Image

[14 km] Museo del Sodalizio Facchini di Santa Rosa

Il Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa è stato istituito a Viterbo nel 1994. È ospitato presso la sede del Sodalizio in un edificio medievale al centro del caratteristico quartiere San Pellegrino.