ulisse paolo fundarò

“Ulisse Etrusco”, in mostra a Barbarano Romano i dipinti di Paolo Fundarò


data: dal 25 maggio al 15 giugno 2019

luogo: Museo delle Necropoli Rupestri (Via Sant'Angelo 4), Barbarano Romano Vt

orario: lunedì-sabato 10.00-13.00 / 16.30-19.30

Sabato 25 maggio 2019, alle ore 18, presso la Sala Sant’Angelo attigua al Museo delle Necropoli Rupestri di Barbarano Romano, verrà presentata la mostra Ulisse Etrusco. Il mito ritrovato tra ritratto funerario e ritratto mitologico di Paolo Fundarò.

Interverrà Francesca Colosi, archeologa ricercatrice dell’Istituto per le tecnologie applicate ai beni culturali del CNR. Seguirà poi l’inaugurazione all’interno delle sale del museo. L’evento è organizzato in collaborazione con l’Associazione Barbarano Cultura.

Numerose sono le varianti mitiche che portano Ulisse con altri greci e alcuni troiani, tra cui Enea, dopo la caduta di Ilio, in Etruria e sulle coste tirreniche in una serie di avventurosi episodi narrati da Esiodo (VII secolo a.C.) a Tolomeo Efesto  ( I-II sec. d.C.).

Nell’interpretazione dell’autore dei dipinti in mostra all’interno del museo delle necropoli rupestri di Barbarano Romano, Ulisse, il cui nome etrusco più antico corrisponde ad Uthuzte, racconta la sua discesa nell’Ade il cui ingresso, rivelato da Circe è proprio nelle affascinanti gole delle necropoli etrusche disseminate nel territorio di Barbarano Romano (definito come la “Petra d’Etruria”) dove nella vasta area di San Giuliano, sono presenti notevoli e affascinanti tumuli di epoca orientalizzante, (VII sec. a.C.) tombe di età arcaica (Vi-V sec a.C.) ed età ellenistica.

Percorrendo i vari ambienti del museo, come in un antro sotterraneo, ci si imbatte nei vari volti-ritratti evocati dall’Ulisse Etrusco; Circe, l’indovino Tiresia, Agamennone, Achille, Patroclo, il figlio Telegono, la stessa Penelope e altre figure presenti nell’itinerario espositivo.

La peculiare tecnica utilizzata nei dipinti, intimamente connessa ai ritratti di mummie del Fayyum, oggetto di studio dell’autore da vari anni tanto da essere definito dall’archeologo britannico John Prag come erede di questa perduta e misteriosa tradizione, tratteggia un nesso e un ideale parallelo tra ritratto funerario e ritratto mitologico.

La mostra sarà aperta fino al 15 giugno 2019 dal lunedì al sabato con orario 10.00-13.00 e 16.30-19.30.



tel: 0761414531

e-mail:

web:










Strutture Vicine

ristorante-il-molino Image

[19 km] Ristorante Il Molino

Nel centro storico di Viterbo, ai piedi del Palazzo Papale e a pochi passi dal celebre quartiere medioevale, Il Molino ti offre una vasta gamma di antipasti di terra della cucina tradizionale: bruschette, mix di affettati e formaggi, fritti misti e un’ottima mozzarella di bufala.

blitz-caffe Image

[19 km] Blitz Caffè

Blitz Caffè è una nuova idea di bar: birreria, tavola calda e fredda, cocktail bar e wine bar; il tutto racchiuso in unico contenitore in grado di soddisfare i gusti della propria clientela, dalla colazione mattutina fino a notte inoltrata.

al-77 Image

[19 km] Al 77

Orlando e Manfredi vi invitano nel nuovo locale del centro storico a Viterbo, in via San Pellegrino, nel quartiere medievale.



Da vedere

palazzo-giustiniani-bassano-romano Image

[11 km] Palazzo Giustiniani

Il Palazzo Giustiniani (o Villa Giustiniani Odescalchi), si trova a Bassano Romano, in provincia di Viterbo. Acquistato nel 2003 dallo Stato Italiano e proprietà del MIBACT, dal dicembre 2014 è gestito dal Polo museale del Lazio.

museo-di-palazzo-doebbing-sutri Image

[13 km] Museo di Palazzo Doebbing

Il Vescovado di Sutri attesta le antiche radici cristiane della città sin dai primi secoli del Medioevo. Il palazzo vescovile risulta così essere il fulcro non soltanto religioso ma anche culturale ed artistico dell’intera città.

museo-del-sodalizio-facchini-santa-rosa-viterbo Image

[18 km] Museo del Sodalizio Facchini di Santa Rosa

Il Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa è stato istituito a Viterbo nel 1994. È ospitato presso la sede del Sodalizio in un edificio medievale al centro del caratteristico quartiere San Pellegrino.