“Km1_Città Visuale Festival”, un progetto di rigenerazione urbana

8 giugno 2018

Al via a Roma il progetto KM1_Città Visuale Festival, vincitore nell’ambito del programma Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura ed. 2017 nella sezione Periferie urbane, settore Arti visive, performative e multimediali.

È un progetto di rigenerazione urbana all’interno delle strutture del Nuovo Corviale per contribuire, attraverso l’arte e la creatività, alla promozione del dialogo sociale e interculturale, all’inclusione e alla coesione sociale attraverso la realizzazione di attività artistiche e creative all’insegna della multidisciplinarietà.

La prima fase: i laboratori

Km1_Città Visuale Festival si articola in due fasi. La prima fase in partenza a giugno 2018 propone un’azione di coinvolgimento sociale attivo, indirizzato a diverse categorie di cittadini che abitano il quartiere. L’obiettivo è quello di creare degli spettatori attivi e coinvolti, che costituiscano il perno dell’iniziativa e contribuiscano con le proprie idee e la propria partecipazione alla realizzazione del progetto. Questo processo di coinvolgimento si esplicita attraverso due percorsi laboratoriali completamente gratuiti: Videomaking Corviale e Visioni Attive.

Videomaking Corviale è destinato a 10 NEET (Not engaged in Education, Employment ot Training: ragazzi dai 19 ai 25 anni che non studiano e non lavorano, preferibilmente del quartiere) e sarà condotto da professionisti e tecnici accreditati del settore come Alberto Fabi, regista cinematografico e documentaristico; Monica Ramaccioni, produttrice esecutiva e fotografa e Matteo Carbone, film maker e video editor. Il corso prevede la realizzazione, da parte dei giovani partecipanti, di un docufilm sulle storie di Corviale.

Visioni Attive è invece finalizzato a formare un gruppo di spettatori attivi che diventeranno parte della giuria che selezionerà le opere presentate al Km1_Città Visuale Festival. Obiettivo generale del laboratorio, è quello di avvicinare degli spettatori acerbi alla fruizione dell’arte e predisporli ad assumere un atteggiamento attivo rispetto ad essa. Il percorso sarà condotto da professionisti e tecnici accreditati del settore: Vincenzo Pellegrini, musicista e formatore; Anna Maria Piccoli, musicista, formatrice ed operatrice culturale; Roberta Zingaretti, storica dell’arte e Alice Fratarcangeli, performer ed operatrice culturale. Entrambe le domande di partecipazione possono essere scaricate dal sito www.cittavisualefestival.it.

La seconda fase: il festival

La seconda fase riguarda l’azione principale del progetto e vede la realizzazione di un festival multidisciplinare che si terrà dal 19 al 21 ottobre 2018. Il festival sarà interamente dedicato ad artisti emergenti under 35 che verranno selezionati su tutto il territorio nazionale tramite un bando pubblico. Esso verrà organizzato all’interno degli spazi comuni della struttura: terrazze, ballatoi, corridoi, appartamento, tutti spazi che non sono luoghi convenzionali di arte.

La rassegna vedrà in esposizione opere di arte visiva (dalla pittura alla fotografia, all’architettura e scultura), opere di arte performativa (musica, teatro, performance) e multimediale (installazioni). La selezione delle opere verrà svolta da una giuria composta dai membri dei partner che portano avanti il progetto e dagli abitanti di Corviale stessi, che verranno coinvolti attivamente nel processo decisionale.

Come partecipare al Km1_Città Visuale Festival

Gli artisti vengono invitati a presentare proposte nell’ambito dei seguenti settori. Iscrizioni entro il 13 giugno.

Arti Visive: per Arti Visive si intendono pittura, fotografia, scultura, architettura e graphic art. Nel settore Arti Visive verrà selezionato un massimo di 4 artisti/gruppi, ogni candidato dovrà proporre un numero minimo di 3 (tre) opere (3 dipinti, sculture, fotografie) meglio se facenti parte di una serie più ampia; Le opere rimarranno esposte per tutta la durata del festival (dal 19 al 21 ottobre 2018).

Arti performative: per Arti Performative si intendono le forme artistiche in cui l’opera consiste nell’esecuzione dal vivo di un determinato insieme di azioni da parte dell’;artista di fronte ad un pubblico. Nel settore Arti Performative verrà selezionato un massimo di 3 opere. Ogni artista/gruppo dovrà presentare una sola proposta di spettacolo/concerto/performance. Gli spettacoli e i concerti non dovranno avere una durata che superi i 60 minuti, mentre le performance non dovranno avere una durata superiore ai 40 minuti. Le opere verranno replicate una sola volta in una delle tre giornate del festival (dal 19 al 21 ottobre 2018), fatto salvo per le perfomance di breve durata per le quali potrebbe essere prevista più di una replica.

Arti Multimediali: si intendono opere artistiche realizzate attraverso l’uso delle nuove tecnologie multimediali. Sono ammissibili opere di video mapping, installazioni video e opere di digital art nel senso più ampio del termine. Nel settore Arti Multimediali verrà selezionato un massimo di 4 opere. Ogni artista/gruppo potrà presentare da una a più opere. Le opere rimarranno esposte per tutta la durata del festival (dal 19 al 21 ottobre 2018).

Direzione artistica e project management: Alice Fratarcangeli. Direzione organizzativa: Vincenzo Pellegrini. Responsabile della comunicazione: Anna Maria Piccoli. Docenti dei laboratori
Videomaking Corviale: Alberto Fabi, Monica Ramaccioni, Matteo Carbone. Visioni Attive: Alice Fratarcangeli, Vincenzo Pellegrini, Anna Maria Piccoli, Roberta Zingaretti.

Contatti: www.cittavisualefestivale.itinfo@cittavisualefestival.itorganizzazione@cittavisualefestival.it – tel. 381.725276.