montefiascone

Montefiascone, il gemellaggio con Sannat vale 7500 euro

21 Dicembre 2017

L’Unione Europea premia il progetto presentato dallo Sportello Europa di Montefiascone finanziando il gemellaggio tra Montefiascone e Sannat (Malta) con un contributo di 7.500 euro.

Il 2 ottobre del 2016 l’assessore alla cultura e alle politiche europee del Comune di Montefiascone Fabio Notazio, insieme ad una delegazione di cittadini dì Montefiascone, firmò il gemellaggio europeo con la città maltese di Sannat, situata nella regione di Gozo, dando inizio ad una serie di rapporti religiosi, culturali e turistici tra le due comunità.

Si tratta di un’unione tra due realtà che hanno molto in comune: un’economia dove l’agricoltura svolge un ruolo importante e in cui olio e vino rappresentano delle reciproche eccellenze, i sapori naturali e intensi della cucina mediterranea e una storia simile, in cui le grandi civiltà del Mediterraneo hanno lasciato una preziosissima eredità culturale. Ma ad aver fatto scoccare la scintilla è stato l’amore reciproco per Santa Margherita, in tutti e due i casi patrona cittadina, che presso entrambe le comunità viene festeggiata il 20 luglio.

Questo gemellaggio deve essere un rapporto vivo – spiega il sindaco maltese Philip Vella – le persone delle nostre cittadine devono sviluppare rapporti reciproci a partire dalle singole persone. Se il nome di Montefiascone cresce, lo fa anche quello di Sannat, perché da ora in poi siamo una cosa sola“. Esistono concrete possibilità di sviluppo economico, basate sul rilancio dei prodotti tipici nei reciproci mercati, sfruttando la possibilità di accedere a dei fondi europei dedicati. Le opportunità di crescita culturale sono state tra quelle che hanno più stimolato l’assessore alla cultura di Montefiascone: lingua ufficiale di Malta è l’inglese e mai come ora non si può prescindere dalla sua conoscenza.

Oggi l’Europa premia questa iniziativa concedendo al progetto presentato nell’ambito del programma Europe for Citizens dalla città di Montefiascone congiuntamente a quella di Sannat, un finanziamento di 7.500 euro, volto a rafforzare le iniziative  di cui i due enti si sono fatti promotori in sede di gemellaggio. Rafforzare la propria identità culturale e territoriale, collocandola in una dimensione europea di interscambio ed integrazione tra iniziative dei due popoli, a cui anche l’Europa ha riconosciuto la validità progettuale. Nei giorni dal 18 al 21 di giugno del 2018, con una serie di manifestazioni,  saranno presentate congiuntamente dalle due amministrazioni le iniziative tese a rafforzare i vincoli di fratellanza che debbono spingere i popoli di Europa all’integrazione e agli scambi culturali.