Narni, un luogo fantastico. Dal romanzo di Lewis fino al parco giochi Leolandia

29 Dicembre 2017

Che Narni avesse sempre avuto un fascino particolare e capace di ispirare l’immaginazione, è fuor di dubbio!

Come fu per Clive Staples Lewis che, ne “Le cronache di Narnia”, la vide arroccata in riva al mare e piena di figure leggendarie pronte a darsi battaglia, anche un altro avventuroso dei nostri tempi, questa volta un imprenditore, ne ha saputo cogliere le potenzialità: Giuseppe Ira, infatti, lo scorso 21 dicembre ha dato vita alla società “Leolandia Umbria” insieme alla famiglia Giovannini di Genera e ad altri soggetti narnesi.

Il progetto prevede la realizzazione di un parco giochi dedicato alle famiglie che sorgerà in località San Liberato di Narni, nella zona adiacente al distributore Fina di San Liberato, e sarà simile a quello già attivo a Capriate (BG) nell’alta Lombardia.

Posto in un punto strategico dello snodo autostradale locale, il parco sarà facilmente raggiungibile e ben collegato con tutto il Centro Italia; potrà vantare una completa sostenibilità sia dal punto di vista dell’energia elettrica che biodegradabile, attraverso l’uso esclusivo di prodotti in Mater-B, e farà uso di prodotti locali a “Chilometri 0”.

“Il progetto è molto interessante.” dice Giuseppe Ira in una nota “Adesso andremo a chiedere le autorizzazioni amministrative necessarie per realizzarlo, ma soprattutto verificheremo la lungimiranza degli amministratori regionali nel comprendere che questa iniziativa comporta un grande tasso di occupazione giovanile e potrà riuscire ad amplificare i flussi turistici da e per la regione dell’Umbria”.