vulci

Natura, archeologia e scienza: partnership tra Vulci e INFN

8 Giugno 2017

Il 5 giugno 2017 ha fatto visita al Parco Naturalistico Archeologico di Vulci  una delegazione di ricercatori dell’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare), accolta dal sindaco di Montalto di Castro Sergio Caci e dal responsabile marketing di Fondazione Vulci, Emanuele Eutizi.

L’obiettivo di stipulare una convenzione tra Fondazione Vulci e il prestigioso ente di ricerca che permetterà di mettere a disposizione del parco una vasta gamma di conoscenze scientifiche e di mezzi ad altissima tecnologia. Tre saranno i filoni della collaborazione. Il primo sarà trasformare il parco in un privilegiato punto di osservazione astronomica e di divulgazione scientifica. Sfruttando la peculiare caratteristica dell’incantato buio notturno di Vulci, privo di inquinamento luminoso, sarà possibile ammirare pianeti e stelle e organizzare eventi, laboratori e seminari in merito.

Da luglio, infatti, verrà posizionato, a cura dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, un planetario fruibile ai visitatori del parco per scoprire le stelle e il moto dei pianeti (Dalle ore 21 alle ore 24 a gruppi di 40 persone). Il secondo riguarderà la fruibilità e la sicurezza dei siti archeologici attraverso l’utilizzo di indagini diagnostiche che permettano di “anticipare” i lavori di scavo e, laddove ce ne siano le possibilità, di consentire la visita da remoto ad esperti e turisti di tombe ancora sigillate.

L’ultimo punto, probabilmente il più importante, riguarderà la sinergia con il laboratorio di restauro della Fondazione Vulci. Attraverso la rete CHNET, l’Istituto di Fisica Nucleare ha da anni avviato una fitta trama di collaborazioni con i più prestigiosi musei e centri di conservazione e restauro nazionali ed internazionali mettendo a disposizione oltre alle proprie competenze sulla fisica delle superfici e sulla fisica molecolare, mezzi di indagine ad avanzatissima tecnologia tra i quali acceleratori, scanner XRF e Tac.