Parco Valle del Treja, il censimento dei grandi alberi

17 Gennaio 2017

È in corso di ultimazione in tutta Italia il censimento nazionale degli alberi monumentali, realizzato dalle regioni in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato.

Obiettivo dell’operazione è la predisposizione dell’elenco nazionale dei patriarchi verdi, che saranno riconosciuti patrimonio paesaggistico e ambientale italiano e a cui sarà garantita massima tutela ai sensi della legge nazionale n° 10 del 2013.

Per ragioni storiche di uso del territorio, nel territorio del Parco Valle del Treja è difficile imbattersi in alberi che rispondano ai requisiti minimi fissati per entrare nel prestigioso elenco, eppure non mancano esemplari arborei notevoli.

Tra di essi spiccano il grande cerro sulla vetta di Monte Li Santi, che con i suoi 370 centimetri di circonferenza è a un passo dall’essere riconosciuto tra gli alberi monumentali, o il maestoso salice bianco sulla sponda destra del Treja, la cui imponente figura segna il confine settentrionale del Parco.

Sono esemplari preziosi, custodi di biodiversità ma anche testimoni della storia del territorio, che meritano di essere valorizzati oltre che tutelati.

È per questo motivo che il Parco ha deciso di avviare la mappatura degli alberi di pregio, includendo, oltre ai grandi alberi secolari, anche esemplari più giovani ma appartenenti a specie di interesse.

Come gli alberi da frutto, un tempo coltivati nella valle e oggi diventati parte del bosco, che oltre a raccontare il passato, conservano spesso un patrimonio genetico che, non più tramandato, rischia di scomparire.

Oltre alla localizzazione per ciascun esemplare sarà compilata una scheda descrittiva e le informazioni saranno rese disponibili sul nostro sito.

Per completare il lavoro, chi vorrà potrà segnalare gli alberi che ritiene di interesse presso gli uffici del Parco al numero 0761 587617 o tramite e-mail a gargini@parcotreja.it.

Per ulteriori informazioni: www.parcotreja.it.