premio letterario città di lugnano 2019

Premio Letterario Città di Lugnano, ecco i vincitori 2019

25 Giugno 2019

Sacha Naspini col romanzo Le case del malcontento ha vinto la quinta edizione del Premio Letterario Città di Lugnano, al termine della pubblica votazione della giuria di esperti e della giuria popolare che, da parte sua, ha indicato come prescelto Idiota è una parola gentile di Gianluca Wayne, mentre per la sezione racconti inediti, dedicati quest’anno al tema La fotografia, il vincitore è stato Diego Inghilleri con Rugby mon amour, in gara con lui Giorgio Del Puente, Marco Ferrari, Nausica Manzi e Luca Santoro.

I Rosoni d’argento per la Cultura del Comune di Lugnano in Teverina sono andati anche a Serena Dandini e Franco Lorenzoni, maestro di Amelia che ha pubblicato con Sellerio vari libri sulla sua innovativa esperienza didattica con piccoli e grandi. Ilaria Patamia ha invece recitato alcuni monologhi tratti dal libro della Dandini Ferite a morte, temi che si legano al sostegno quest’anno di Telefono Rosa a cui andranno i proventi della vendita del libro con i  racconti finalisti.

Il vincitore, già autore di cinque opere, Da l’Ingrato del 2006 a Il gran diavolo del 2014, descrive la vita e i misteri del piccolo paese sulla maremma, le case, rendendo questo piccolo mondo aspro e incattivito metafora di una realtà più generale. I premi sono stati consegnati dal vice sindaco Alessandro Dimiziani.

La giuria di esperti che ha selezionato i finalisti e votato per il vincitore è stata presieduta da Paolo Petroni e composta da Massimiliano Boni (vincitore dell’edizione precedente), Daniela Carmosino, Annagrazia Martino, Giorgio Nisini, Giorgio Patrizi, Carlo Zanframundo, mentre la giuria popolare, intervenuta solo nel voto finale, è stata coordinata da Benedetta Tintillini.