Movemagazine - Archiviaggiando - la palla antisismica

La palla antisismica

22 Settembre 2016

Tra le peculiarità dei grattacieli, ce n’è una che spicca su tutte: vista la loro altezza, sono costruiti con accortezze che permettono loro di resistere ai forti venti e ai terremoti. La soluzione studiata per il Taipei 101 è una delle più ingegnose mai realizzate. Il colosso della capitale di Taiwan è stato dal 2004 al 2010 l’edificio più alto del mondo, con i suoi 509 metri di altezza e i 101 piani abitabili.

Costruito in zona sismica, per ovviare al problema i progettisti hanno deciso di dotarlo, per primo al mondo, di un sistema di stabilizzazione innovativo: tra l’87° e il 92° piano nella torre è infatti installato un enorme pendolo in acciaio, realizzato con una sfera di 5,5 metri di diametro e di 728 tonnellate di peso, collegata alla struttura del grattacielo da quattro tiranti e otto martinetti idraulici con funzione stabilizzatrice (palla antisismica).

In caso di sisma, ma anche di forte vento (che soffia talvolta oltre i 200 chilometri all’ora), il movimento del contrappeso contribuisce a smorzare lo spostamento laterale dell’edificio riducendo le ondulazioni del 40 per cento.

I progettisti dell’affascinante torre taiwanese sono talmente fieri della loro sfera che l’hanno resa ben visibile dall’interno e questa rappresenta una delle attrazioni più frequentate dai turisti che salgono fino alla sommità per godere della vista mozzafiato dall’adiacente terrazza panoramica.