Le calze con le ciabatte

Le calze con le ciabatte?!

30 Maggio 2017

Con le calze con le ciabatte, io ci porto la donna a cena; le calze con le ciabatte, di giorno come di sera”. Le parole profetiche cantate dal vate Vacca lo scorso 2016, arrivano come un anatema a colpire il genere maschile: dopo mesi invernali di risvoltini & caviglie blu da ipotermia, ora in piena estate, il fashion system impone i calzini con le ciabatte!

Signorini! Mettetevi l’anima in pace, perché di stringate se ne vedranno davvero poche nelle vetrine e sull’asfalto rovente, qualche slip on in canvas e sneakers ultra light: ma la scarpa della calda stagione sarà la ciavatta! Schifata, snobbata, bullizzata da molti, non è per tutti. Il must è indossarla con il classico calzettone sportivo, sì, quello di spugna lungo al polpaccio per intenderci, ma anche con socks originali e ipercolorati (… maronna!).

Una volta a esclusivo appannaggio dei turisti tedeschi e del loro inesistente gusto, quest’anno sono improvvisamente diventati cool: sandali slide (le pianelle di gomma), con strap, “francescani” o in stile trekking; realizzati in gomma, pelle, camoscio o in tessuti tecnici; più classici e formali in nero e color cuoio, le ciabatte si tingono di verde, di azzurro, di rosso e di bianco, per i vostri momenti di relax&party feat. Pitbull!

Il bomber

Oltre alla imprescindibile e temuta calzatura, nel vostro armadio estivo, non dovrebbero mancare i bermuda in versione esploratore multi tasche e color kaki, ma anche a tubo con piega stile college e colori hard come il pastello! Le righe e i quadretti, per vivacizzare l’outfit più basic e dare un twist divertente ed estivo al vostro look; il bomber anni ‘90 in tessuto leggero e traspirante, da personalizzare con patch e pins e da indossare come un cardigan; il denim, soprattutto chiaro e délavé con il quale osare persino un giovanissimo total look jeans! Il completo spezzato, ormai universalmente accettato anche nelle occasioni più ufficiali; il soft tailoring, ossia capi classici del guardaroba maschile, interpretati con un mood più easy e meno “rigido”: giacche destrutturate, leggere e sfoderate e pantaloni morbidi e dalla coulisse in vita. Ma la vera novità è la polo in maglia, un chiaro riferimento agli anni Settanta: lavorata, tinta unita, a coste, a fantasia è davvero un’ ottima alternativa alla camicia.

La Polo

Accessori

  • Le bretelle: tornate alla grande, non si nascondono più! Posso essere in pelle o in tessuto, dello stesso colore dell’abito o a contrasto.
  • Il marsupio: per lei come per lui, pare sia in forma smagliante e pronto a riprendersi ciò che era suo!
  • Lo zaino: addio borselli, tracolle, postine e cartelle da lavoro. è il suo momento! Zaini di tutti i tipi, dalla versione più sportiva, a quella più lussuosa.

Grooming

Dopo anni di gloria, la barba si accorcia e quasi sparisce. Vero è che rendeva tutti più bellocci, ma ha un po’ annoiato e omologato.  Si segnala invece una resistenza del baffo, che sarà curato e rock alla Freddie Mercury!

I capelli saranno cortissimi quasi rasati; corti con la riga “leccata” da una parte o dal ciuffo lungo e un po’ scompigliato. E i ricci? Super liberi, lunghi e fluentisssssimi!

Lo zaino

La tracolla